Roncalceci, area zona Pip: ecco la recinzione delimitata da due cancelli

"Era questa l’unica soluzione perseguibile piu’ volte richiesta nelle nostre segnalazioni per arginare ed evitare che chiunque andasse a depositare materiali di ogni genere", afferma Pasi

Il Comune ha accolto la richiesta avanzata dal Comitato Cittadino di Roncalceci: è stata installata una recinzione delimitata da due cancelli
che impediscono il libero accesso nell’area della zona Pip artigianale/Industriale di Roncalceci, dove in passato sono state scaricati ingenti quantitativi di rifiuti speciali, eternit e veicoli. "Era questa l’unica soluzione perseguibile piu’ volte richiesta nelle nostre segnalazioni per arginare ed evitare che chiunque andasse a depositare materiali di ogni genere, inerti compresi, in suolo di proprietà dell’amministrazione comunale", afferma Cinzia Pasi del comitato cittadino.

"L’abbandono dei rifiuti è una pratica incivile, perseguibile anche al ivello penale, dannosa per la salute che troppo spesso viene messa in
campo da persone senza scrupoli che tentano così di disfarsi di materiale per il quale la normativa vigente prevede e richiede un corretto trattamento e smaltimento - prosegue Pasi -. La conseguenza di tali comportamenti e la necessaria obbligatoria bonifica messa in atto richiede ingenti costi che ricadono sulle casse del Comune ed indirettamente anche sulle nostre tasche".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Natale da favola a Cervia e Milano Marittima con 140 abeti e illuminazioni fantastiche

  • E' scomparsa Lola, la 'cockerina motociclista' che viaggiava per beneficenza

  • Le azdore romagnole insegnano come fare tagliatelle e strozzapreti e finiscono sul 'Sunday Times' - VIDEO

  • Il Natale arriva in anticipo: acquista un gratta e vinci e incassa una vincita milionaria

  • Via Diaz sempre più deserta, chiude un altro negozio: "Per i ravennati lo shopping è solo in via Cavour"

  • Tra strozzapreti e cappelletti: tanti ristoranti ravennati nella Guida Michelin 2020

Torna su
RavennaToday è in caricamento