menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rubano un motore agricolo e lo nascondono in un albero: fratelli in manette

I due hanno riferito che il motore era di loro proprietà e che lo avevano acquistato da giorni per venderlo poi ad alcuni connazionali commercianti di macchine agricole

Stanati dai Carabinieri dopo aver rubato un componente meccanico di una vecchia falciatrice. Nella rete dei militari dell'Arma di Ronco sono finiti due fratelli di nazionalità romena, rispettivamente di 25 e 33 anni, residenti a Ravenna e Forlì. I fatti si sono consumati martedì mattina in un'abitazione lungo la Cervese. In particolare, al 112 era stato segnalato il furto di un motore di un trattore degli anni '60. Dopo aver effettuato un primo sopralluogo ed invitato il proprietario a sporgere denuncia, i militari si sono attivati nelle ricerche del motore, rinvenendolo poco distante della proprietà del derubato.

I malviventi, dopo averlo in parte smontato, l'avevano ben nascosto sotto alcune frasche e delle cortecce di un albero, in attesa di recuperarlo presumibilmente all’imbrunire o comunque in orario non sospetto. I Carabinieri, in abiti civili, hanno così atteso l'arrivo dei ladri: dopo un po' si è materializzato un "Fiat Iveco", che si è fermato in prossimità dell'albero dove era stato nascosto il motore. Dall'abitacolo sono scesi i due soggetti, che hanno prelevato e caricato quanto avevano rubato alcune ore prima.

Dopo poche centinaia di metri sono stati fermati. Alle richieste di spiegazioni hanno riferito che era di loro proprietà e che lo avevano acquistato da giorni per venderlo poi ad alcuni connazionali commercianti di macchine agricole in Romania. I due fratelli sono stati così arrestati in flagranza con l'accusa di furto continuato e aggravato in concorso in abitazione. Mercoledì sono comparsi davanti al giudice (pubblico ministero Filippo Santangelo) che ha convalidato l'arresto, applicando la misura cautelare dell'obbligo di firma alla Polizia e rinvio dell'udienza avendo chiesto i termini a difesa. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento