Salone da donna saccheggiato, i Carabinieri trovano la refurtiva: fratelli nei guai

Lunedì gli uomini dell’Aliquota Radiomobile hanno proceduto al controllo di un 45enne già noto alle forze dell'ordine, il quale ha cercato di sottrarsi ai militari dandosi alla fuga

I Carabinieri della Compagnia di Cervia - Milano Marittima hanno denunciato due romeni con l'accusa di "ricettazione" e "resistenza a pubblico ufficiale". Lunedì gli uomini dell’Aliquota Radiomobile hanno proceduto al controllo di un 45enne già noto alle forze dell'ordine, il quale ha cercato di sottrarsi ai militari dandosi alla fuga e opponendo resistenza agli operanti. Insospettiti dal comportamento, i militari hanno così proceduto a perquisire un locale del fratello, rinvenendo numerosi articoli da acconciatore per donna.

Poiché il soggetto non ha saputo fornire giustificazione dell’elevato materiale ritrovato nella rimessa, tutta la merce è stata portata al comando per gli accertamenti. Dalle indagini è emerso che gli oggetti erano stati trafugati nel mese di aprile ad un esercizio commerciale che, nell’occasione, aveva denunciato il furto di circa 500 prodotti professionali tra colori per tinta, oli per trattamenti cuoio capelluto, forbici, rasoi, piastre e phon per capelli, con un danno che si aggirava intorno ai 2.000 euro. Al termine delle verifiche l’intera refurtiva è stata restituita alla proprietaria del salone da donna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • La lotta contro il covid di Fausto Gresini: nuovo peggioramento delle condizioni, "Ha febbre alta"

Torna su
RavennaToday è in caricamento