Sangiorgi, patron del Mei, vicino ai lavoratori dello spettacolo colpiti dalla crisi del Coronavirus

Ha portato l’adesione del Coordinamento Nazionale StaGe! ai Sindacati Cgil Cisl e UIl Spettacoli e Comunicazione oggi a Bologna per lo Sciopero Nazionale dello Spettacolo

Giordano Sangiorgi, patron del MEI di Faenza, ha portato l’adesione del Coordinamento Nazionale StaGe!, oltre 50 associazioni della filiera delle piccole imprese della musica e dello spettacolo dal vivo,  ai Sindacati Cgil Cisl e UIl Spettacoli e Comunicazione oggi a Bologna per lo Sciopero Nazionale dello Spettacolo in 16 piazze d’Italia e la richiesta di un Tavolo Permanente di Musica e Spettacolo al Mibact oltre alle tante richieste per il  settore come i ristori immediati, i bandi, un tavolo con la Rai , una lotta ai giganti del web e tante altre richieste.

Dai ballerini ai gestori di circo e luna park, insieme ad attori, musicisti, organizzatori, artisti di strada, sarti di scena. Erano un migliaio, secondo i sindacati di categoria, i lavoratori del mondo dello spettacolo che sono scesi in piazza in mattinata anche a Bologna,oltre alle altre 15 citta’ in Italia,  con un presidio sotto la Prefettura organizzato nell'ambito della mobilitazione nazionale 'L'assenza spettacolare', contro l'ultimo Dpcm che ha nuovamente fermato cinema, teatri ed eventi culturali. "Più cultura, meno paura" si leggeva su uno dei cartelli e striscioni esposti in piazza Roosvelt da rappresentanti del Circo di Mosca, lavoratori del Teatro Comunale di Bologna, ballerine dell'Associazione Danza Emilia-Romagna e altri lavoratori del settore. Una delegazione dei manifestanti, rappresentati dai sindacati Slc-Cgil, Fistel-Cisl e Uilcom, è stata ricevuta dalla Prefetta di Bologna, Francesca Ferrandino. Al presidio c'era anche l'attore Alessandro Bergonzoni: "Teatro e cinema sono terapie intense, con tutto il rispetto per chi sta male e soffre -ha detto- teatro e cinema sono una questione di anima non solo di commercio, ascoltateci". Tra gli interventi e le adesioni anche quello di Giordano Sangiorgi del MEI – Meeting delle Etichette Indipendenti per il Coordinamento StaGe!, coordinamento di 50 associazioni della filiera delle piccole imprese della musica.

Allo stesso tempo si è concluso nel rispetto delle norme di contrasto al Covid 19 alla Casa della Musica di Faenza il Workshop dei Giovani Talenti dell'Emilia-Romagna a cura di Materiali Musicali e realizzatosi con la collaborazione del MEI supportato dalla Legge triennale sulla Musica della Regione Emilia-Romagna giunta a conclusione e che sara' presto rinnovata.  Sono stati consegnati i diplomi di partecipazione a Sara Zaccarelli originaria di Loiano ma prodotta dal faentino Giovanni Versari e ai faentini Pioggia Noise, una crew di giovani ventenni tra trap, musica d'autore ed elettronica , vincitori del contest, hce hanno realizzato un workshop che li ha visti incontrare anche il grande produttore e musicista Gianni Maroccolo e la cantante Roberta Giallo per un corso di grande livello. A fine novembre Sara Zaccarelli, dopo essere stata tra i finalisti di Sanremo Givoani, con il suo progetto NHUDA che vede coinvolti grandi musicisti della scena indie italiana come Giulio Ragno Favero, già nel Teatro degli Orrori, uscirà con il suo vinile, mentre i Pioggia Noise usciranno con il loro cd 3x1 che presenterà gli artisit Zero Paga, Ale di Loto e Giacomo Ambrosini.  Nel frattempo si sono conclusi con l'esibizione al MEI 2020 i tour promozionali degli artisti vincitori dello scorso anno, gli emiliano romagnoli Argento e Balto che partono per la promozione dei nuovi album.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento