menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sanità privata, 500 addetti in provincia attendono il rinnovo del contratto. La Cisl: "Non erano eroi?"

"La mancata sottoscrizione del rinnovo del contratto nazionale dei dipendenti della sanità privata associati ad Aiop e Aris, rappresenta un vero e proprio insulto a chi lavora"

"La mancata sottoscrizione del rinnovo del contratto nazionale dei dipendenti della sanità privata associati ad Aiop e Aris, rappresenta un vero e proprio insulto a chi lavora. Ennesima dimostrazione del poco rispetto nei confronti di chi ha contribuito in questi anni ad aumentare gli introiti e i bilanci delle società di gestione degli ospedali privati accreditati con il Servizio Sanitario Regionale. Mentre infermieri, operatori socio sanitari, tecnici e amministrativi degli ospedali privati accreditati Aiop – Aris garantivano cure ed assistenza durante il Covid, rappresentanti delle istituzioni locali e nazionali, datori di lavoro, semplici cittadini, plaudivano agli eroi silenziosi. Sembra passato un secolo ed invece è ancora in corso lo stato di emergenza nazionale da pandemia per Coronavirus. Che fine hanno fatto gli eroi? Senza contratto": è la protesta del sindacato Cisl.

"Sono oltre 500 gli addetti nella sola provincia di Ravenna - dichiara Mario Giovanni Cozza, segretario generale FP CISL Romagna - ed è vergognoso che ai lavoratori di un settore ancora fondamentale per la salute dei cittadini e gestito da società con fatturati da capogiro, venga negato un contratto di lavoro da 14 anni. Ci domandiamo perché dipendenti di floride realtà nell’ambito della sanità privata accredita - come Maria Cecilia Hospital di Cotignola che a breve ospiterà al proprio interno il Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia ed è in corsa per il riconoscimento di Istituto di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico – lavorino con salari e prerogative fermi al 2006 ? Noi non molliamo! Dopo i presidi della scorsa settimana sotto la sede Aiop dell’Emilia-Romagna, mercoledì assieme a CGIL e UIL protesteremo in piazza Montecitorio a Roma per sensibilizzeremo Governo e Parlamento sullo stato della vertenza e sui rischi conseguenti dalla mancata sottoscrizione definitiva del CCLN Aiop -Aris".

"Ma non finisce qui - conclude Mario Giovanni Cozza - sempre nel mese di agosto le segreterie nazionali di CGIL, CISL e UIL hanno definito ulteriori iniziative di protesta unitarie a carattere locale, su cui confidiamo si possano mettere da parte alcuni personalismi e forzature in favore di un percorso di unitarietà di tutti le forza sindacali confederali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento