Lavoratori delle pulizie e dei multiservizi in sciopero: "Contratto scaduto da 7 anni"

I sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti Uil hanno proclamato uno sciopero nazionale per l’intera giornata lavorativa

"Il contratto nazionale dei settori pulizie e servizi integrati/multiservizi è scaduto ormai da 7 anni. La misura è colma": a parlare sono i sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltrasporti Uil, che hanno proclamato uno sciopero nazionale per l’intera giornata lavorativa di venerdì 31 maggio, con manifestazione nazionale a Roma in piazza Bocca della Verità alle 9. Da Ravenna partirà una delegazione di lavoratori e sindacati di categoria: per chi volesse partecipare è possibile avere informazioni contattando le sedi sindacali del territorio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Il rinnovo del contratto nazionale, scaduto da ben sette anni, è reclamato da 600mila lavoratrici e lavoratori - spiegano i sindacalisti - Sono loro che, svolgendo servizi essenziali, permettono tutti i giorni di utilizzare ospedali, scuole, tribunali, uffici, banche, poste, caserme, ecc. La trattativa per il rinnovo sul contratto si è interrotta su due punti sostanziali: la proposta di un aumento salariale irrisorio, che non prevede nessuna erogazione una tantum per il pregresso, e il pagamento dei primi tre giorni di malattia, che le controparti vorrebbero decurtare fino al 25%. Lavoratori e sindacati ritengono irricevibili tali proposte, in un settore lavorativo già oggi sottopagato, che causerebbero un vero e proprio arretramento dei diritti delle maestranze. I lavoratori del settore hanno pagato pesantemente la crisi con la riduzione dei contratti individuali e l’angoscia di vedere a rischio il proprio posto di lavoro a ogni cambio di appalto. I lavoratori subiscono pesanti ripercussioni sulla propria condizione a ogni modifica di legge sugli appalti. Come sta accadendo con il decreto “sblocca cantieri”, che ripristina il massimo ribasso per l’aggiudicazione e allarga il ricorso al subappalto senza indicazione dei subappaltatori. Con queste modifiche i lavoratori si troveranno da una parte con tagli sugli orari di lavoro e dall’altra, per effetto dell’allentamento dei controlli sui subappalti, rischiano di diventare un ingranaggio di un sistema criminale. 135 miliardi è il valore del mercato degli appalti e del lavoro di chi vi opera: le lavoratrici e i lavoratori dicono basta alla manomissione delle leggi. Con la corruzione dilagante negli appalti sono i lavoratori che pagano sempre il prezzo più alto perché i primi effetti sono il mancato pagamento delle retribuzioni o l’estromissione dell’azienda con la perdita del posto di lavoro senza aver nessuna colpa".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Coronavirus, si aggiorna la lista dei contagiati: altri casi per contatti familiari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento