"Seduti accanto a Zaky": in biblioteca 150 sagome dell'artista ravennate

Gli studenti potranno studiare accanto all'immagine di Zaky che, a partire da settembre, occuperà le sedie libere per mantenere il distanziamento fisico anti Covid

E' stata inaugurata giovedì mattina la grande installazione dal titolo "Seduti accanto a Zaki" nell'Aula Magna dell'Università di Bologna. 150 sagome dello studente dell'Alma Mater Patrick Zaky, agli arresti ormai da oltre 5 mesi in Egitto, sua terra d'origine. In attesta di rivederlo, l'Ateneo ha messo in campo una nuova iniziativa: 150 sagome di Zaky nei luoghi di studio Unibo, realizzate dall'artista ravennate Gianluca Costantini e, in questi giorni, esposte presso la Biblioteca Universitaria di Bologna. Gli studenti, presso le biblioteche e sale studio di Bologna e dei suoi Campus, potranno studiare accanto all'immagine di Zaky che, a partire da settembre, occuperà le sedie libere per mantenere il distanziamento fisico anti Covid.

"Il disegno di Zaky - afferma Costantini - si rifà al disegno esposto anche in Piazza Maggiore qualche settimana fa, ma senza il filo spinato, simbolo di tortura, fastidio e sofferenza. Le sagome realizzate per le sale studio dell'Alma Mater vogliono rappresentare semplicemente uno studente e affermare contemporaneamente "siamo tutti Zaky"". Nei giorni scorsi il giudice ha prolungato nuovamente la detenzione dello studente. 

zaky1-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico tamponamento mortale, il disperato volo dell'elicottero non riesce a salvargli la vita

  • Una giovane stilista romagnola conquista il principe Carlo con i suoi abiti

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

Torna su
RavennaToday è in caricamento