menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Movimenti sospetti al parco: un passante lo segnala con l'app e fa arrestare un pusher

L’applicazione Youpol, realizzata dalla Polizia di Stato, consente di inviare segnalazioni alla centrale operativa della Questura anche in via anonima

Un buon esempio di cittadinanza attiva e "smart". La Polizia di Stato ha arrestato un 26enne ravennate per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. Giovedì mattina alla Centrale Operativa della Questura di Ravenna è giunta una segnalazione attraverso l’app "Youpol", con la quale un cittadino ha segnalato alla Polizia che vi erano dei movimenti sospetti vicino ad alcuni cespugli del parco Fussi di Madonna dell’Albero. In particolare l’anonimo cittadino ha fatto presente che fra le piante poteva essere stata occultata della droga.

Il poliziotto che ha raccolto la segnalazione ha informato i colleghi dell’Antidroga che hanno attivato, nei pressi del parco, un servizio di osservazione che si è protratto sino al primo pomeriggio quando è giunto, a bordo di un auto, un giovane che dopo pochi secondi ha raggiunto un voluminoso cespuglio. I poliziotti della Narcotici sono intervenuti, riuscendo a bloccare il ragazzo con in mano uno zaino che aveva appena prelevato dalla base della pianta. Sottoposto a immediata perquisizione sul posto l'uomo, identificato per il 26enne ravennate, è stato trovato in possesso di due involucri in cellophane, custoditi all’interno dello zaino, che sono risultati contenere uno 310 grammi e l’altro 35 di marijuana. L’ulteriore perquisizione presso l’abitazione del giovane ha permesso di sequestrare un altro involucro in cellophane con all’interno un grammo di marijuana.

Il 26enne è stato accompagnato in Questura e, dopo il fotosegnalamento dattiloscopico, è stato denunciato in stato di arresto per il reato di detenzione di sostanze stupefacenti ai fini di spaccio. Il Pubblico Ministero di Turno della Procura della Repubblica di Ravenna ha disposto nei confronti dell’arrestato la misura precautelare degli arresti domiciliari presso la propria abitazione, in attesa della celebrazione dell’udienza di convalida dell’arresto.

L’applicazione Youpol, realizzata dalla Polizia di Stato, consente di inviare segnalazioni alla centrale operativa della Questura anche in via anonima, quando si è testimoni o si è venuti a conoscenza di episodi di bullismo o traffico di stupefacenti. E' entrata in funzione a maggio del 2018 e da allora diversi cittadini, sia adolescenti che adulti, l’hanno utilizzata per segnalare episodi suscettibili di approfondimenti da parte della Polizia. Quella di giovedì è stata una delle tante segnalazioni che ha permesso di individuare e di arrestare uno spacciatore.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento