rotate-mobile
Mercoledì, 10 Agosto 2022
Cronaca

Pescavano vongole nelle acque del porto: multati di 2mila euro

Al termine degli accertamenti i militari hanno sequestrato circa 180 chili di molluschi bivalvi nonché l’attrezzatura utilizzata per l’attività subacquea

Pesca illegale nel mirino del personale della Polizia Marittima della Capitaneria di Porto di Ravenna. Nel corso di un'attività svolta nel primo pomeriggio di martedì insieme all'equipaggio della Motovedetta CP 847, i militari hanno fermato due individui impegnati nell'attività illecita di pesca subacquea di vongole veraci, nell’ambito portuale di Ravenna, nello specchio acqueo antistante lo stabilimento Pir. E' stata inoltre fermata una terza persona a bordo di un natante in appoggio ai subacquei.

SEQUESTRO E MULTA - Al termine degli accertamenti i militari hanno sequestrato circa 180 chili di molluschi bivalvi nonché l’attrezzatura utilizzata per l’attività subacquea. Sono state elevate due sanzioni amministrative a carico dei trasgressori, per un importo complessivo di 2mila euro. Con questa operazione la Guardia Costiera ha impedito che prodotti ittici, nella fattispecie molluschi prelevati sui fondali del porto di Ravenna (in acque non classificate sanitariamente), venissero illecitamente immessi sul mercato e destinati al consumo umano.

LE RACCOMANDAZIONI - Con l’occasione la Capitaneria di Porto di Ravenna raccomanda agli esercenti di ristorazione nonché ai consumatori "di non acquistare prodotti ittici da soggetti diversi da quelli regolarmente operanti sulla filiera ittica – commerciale. Il consumatore, all’atto dell’acquisto dei prodotti ittici, dovrà porre particolare attenzione circa la presenza di un corretto sistema di etichettatura e tracciabilità del prodotto, che fornisca tutte le informazioni obbligatorie previste dalle norme nazionali e comunitarie. Si suggerisce inoltre di verificare che su ogni collo contenente molluschi bivalvi sia presente una targhetta o marchiatura che identifichi l’origine del prodotto e che attesti, sotto il profilo igienico sanitario, che lo stesso sia stato trattato presso un centro di spedizione e/o di depurazione regolarmente riconosciuto".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pescavano vongole nelle acque del porto: multati di 2mila euro

RavennaToday è in caricamento