Cronaca

Faceva da "taxi" alle prostitute e si intascava i loro compensi: arrestato

Dall’inizio dell’anno questo è il dodicesimo arresto per reati connessi alla prostituzione, mentre sono centinaia i controlli a prostitute e clienti effettuati lungo la statale Adriatica

Deve rispondere dell'accusa di favoreggiamento e sfruttamento della prostituzione il 36enne di nazionalità bulgara, già noto alle forze dell'ordine, finito nel mirino dei Carabinieri dell’Aliquota Operativa della Compagnia di Cervia e Milano Marittima. Gli uomini dell'Arma l'hanno più volte volte identificato nelle aree frequentate dalla prostitute per adescare i clienti. Secondo quanto appurato dagli investigatori, da aprile a giugno l'uomo avrebbe sfruttato l’attività di prostituzione di una 20enne connazionale, inducendola a giungere in Italia e percependone compensi. Inoltre avrebbe favorito quella di due transessuali, una 40enne tunisina e una 30enne riminese, accompagnandole da rispettivi domicili a luoghi prostituzione a Lido di Classe.

La Procura di Ravenna, sulla base delle risultanze investigative, ha emesso un provvedimento di fermo, eseguito lunedì, quando il bulgaro è stato rintracciato a Savio di Ravenna. L’arrestato è comparso giovedì mattina davanti al giudice, che ha convalidato il fermo disponendo la custodia cautelare in carcere a Ravenna. Dall’inizio dell’anno questo è il dodicesimo arresto per reati connessi alla prostituzione, mentre sono centinaia i controlli a prostitute (di qualsiasi genere) e clienti, effettuati nel corso dei pattugliamenti lungo la statale Adriatica, nelle località di Savio, Lido di Classe e Lido di Savio. Si tratta di un fenomeno complesso, poiché la prostituzione di per sé non è reato, ma lo sono invece le condotte collaterali (sfruttamento e favoreggiamento in primis). Spesso si tratta di prostitute straniere regolarmente presenti sul territorio dello Stato italiano e anche residenti nel Comune di Ravenna.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Faceva da "taxi" alle prostitute e si intascava i loro compensi: arrestato

RavennaToday è in caricamento