Si consolida l'esperienza dello smart working in Bassa Romagna

L’obiettivo è quello di rendere strutturale l’utilizzo dello smart working parziale, incrementando dunque la flessibilità lavorativa e migliorando le dotazioni tecnologiche dell’ente

Si consolida il progetto “Lavoro agile in Bassa Romagna”: nei prossimi mesi tutta la struttura dell’Unione e dei Comuni sarà coinvolta in un percorso di analisi e studio di prassi, ruoli e attività attraverso specifici questionari, indagini interne e percorsi formativi dedicati. L’obiettivo è quello di rendere strutturale l’utilizzo dello smart working parziale, incrementando dunque la flessibilità lavorativa e migliorando le dotazioni tecnologiche dell’ente. L’obiettivo finale del progetto è migliorare l’efficienza della macchina amministrativa e della qualità dei servizi offerti a cittadini e alle imprese, agendo sulla flessibilità. Per portare a compimento questo percorso è stato istituito un gruppo di lavoro che opererà in sinergia con una società specializzata, a cui è stato affidato il compito di supportare l'ente in questa importante transizione.

“Dalla criticità derivata dall’emergenza sanitaria abbiamo colto una nuova opportunità per la riorganizzazione del lavoro della pubblica amministrazione - ha dichiarato il sindaco Riccardo Graziani, referente per il Personale dell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna -. Fondamentale per superare il periodo dettato dall’emergenza Coronavirus, lo smart working o lavoro agile necessita ora di un percorso di studio e revisione per diventare elemento strutturale dell’organizzazione dell’Unione e dei Comuni”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il progetto “Lavoro agile in Bassa Romagna” è risultato trai i primi nove ammessi a finanziamento della Regione Emilia-Romagna: la misura prevede un contributo del 70% alle progettualità presentate, che possono includere azioni di avvio o consolidamento dello smart working, formazione e adeguamento tecnologico. Il progetto della Bassa Romagna ammonta complessivamente a 150mila euro. A inizio lockdown (mese di marzo), nell’Unione dei Comuni della Bassa Romagna hanno usufruito dello smart working 110 lavoratori (12 in smart working totale e 98 parziale), diventati poi 266 nel mese di aprile (136 totale e 130 parziale), su un totale di 536 dipendenti, dunque il 49,6%. A luglio 2020 sono stati 30 i dipendenti che hanno usufruito dello smart working totale e 210 di quello parziale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento