menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Si torna in zona gialla, riaprono musei e biblioteche. Il sindaco: "E' stata una privazione dura"

"Da sempre sostengo che tenere i centri commerciali aperti e i luoghi della cultura serrati oltre ad essere una scelta molto discutibile, è una scelta che nuoce ulteriormente alla condizione psicologica ed emotiva delle persone"

Con l’ingresso in zona gialla le Istituzioni culturali del Comune di Ravenna riaprono i loro spazi espositivi. Giovedì si riprende da dove ci si era lasciati lo scorso novembre, con Studio Luce, la mostra del MAR dedicata a Paolo Roversi, con "Inclusa est Flamma" e le "Figure per Gianni Rodari" alla Classense. Sia il Museo sia la Biblioteca riapriranno con le modalità organizzative e le prescrizioni necessarie, per consentire ai visitatori di svolgere le visite in sicurezza. Sui siti delle istituzioni e sulle loro pagine social si daranno nei prossimi giorni tutte le indicazioni necessarie.

Commenta il sindaco De Pascale: “Per la nostra comunità avere i musei e luoghi della cultura chiusi è stata una privazione molto pesante e molto sentita. Da sempre sostengo che tenere i centri commerciali aperti e i luoghi della cultura serrati oltre ad essere una scelta molto discutibile e poco comprensibile, è una scelta che nuoce ulteriormente alla condizione psicologica ed emotiva delle persone. Da lunedì entriamo in zona gialla e siamo già al lavoro per riaprire progressivamente le nostre istituzioni con la massima attenzione e nel rispetto delle misure per il contenimento del contagio. In particolare invito tutti e tutte a visitare (o tornare a visitare) la mostra dedicata al celebre fotografo ravennate Paolo Roversi al Mar, un percorso espositivo straordinario di caratura internazionale assolutamente da non perdere.  Faremo tutto ciò che è nelle nostre possibilità per permettere alla nostra comunità di fruire dell’offerta culturale e di beneficiare di quel conforto che la Cultura può offrire ai nostri cuori e alle nostre menti”.

“Le nostre Istituzioni culturali - afferma l’Assessora Elsa Signorino - non hanno certamente cessato il loro lavoro in questi mesi. La Biblioteca ha continuato sempre a fornire il servizio di prestito, su prenotazione e a domicilio, e ha riallestito le sue sezioni di saggistica, in particolare, quella dedicata a Dante; il MAR ha proseguito con la preparazione delle mostre dantesche e con il riordino delle collezioni permanenti, che presenteremo a breve con rilevanti novità. Con la riapertura delle mostre le nostre Istituzioni offrono ai cittadini di Ravenna una proposta di grande attrattività e di altissima qualità artistica e intellettuale. Nei prossimi giorni l’Assessorato avvierà un confronto con le altre istituzioni della città al fine di concordare ulteriori riaperture, che possano, con la necessaria gradualità, estendere l'offerta culturale di Ravenna”.


 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento