Malva sud, Montaletto e Savio: ecco il sistema di videosorveglianza

L'importo complessivo è di 150.000 euro e l'intervento è finanziato dal Comune, dalla Camera di Commercio di Ravenna il cui contributo è di 30.000 euro e dalle associazioni di categoria

Taglio del nastro, alla presenza del sindaco di Cervia Luca Coffari, per il sistema di videosorveglianza in tutte le tre aree artigianali di Malva sud, Montaletto, Savio. Tale progetto è stato fortemente voluto dall’amministrazione comunale di Cervia e inserito nel programma di mandato del primo cittadino. L’importo complessivo è di 150.000 euro e l’intervento è finanziato dal Comune, dalla Camera di Commercio di Ravenna il cui contributo è di 30.000 euro e dalle associazioni di categoria. Il posizionamento delle telecamere di videosorveglianza nelle aree artigianali e strade adiacenti, site nelle località Malva sud, Montaletto, Savio è stata condivisa dalle associazioni e dagli operatori e concordata col Comitato Provinciale Ordine e Sicurezza Pubblica. Dopo una visita alla sala operativa del comando della Polizia municipale per verificare l’operatività del sistema, nella zona artigianale di Montaletto si è svolta l'inaugurazione del sistema di videosorveglianza. Oltre al sindaco erano presenti il Prefetto di Ravenna Francesco Russo, il vice segretario generale vicario della Camera di Commercio di Ravenna Maria Cristina Venturelli e i rappresentanti delle forze dell’ordine e delle associazioni di categoria. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Per la nostra amministrazione la sicurezza e la tranquillità per i nostri cittadini, imprenditori e turisti è fondamentale e per questo stiamo lavorando su più fronti e continueremo a farlo con costanza nei prossimi anni - commentano Coffari e gli assessori Rossella Fabbri e Gianni Grandu -. Il consistente incremento delle aree monitorate ha lo scopo di rispondere alle esigenze di maggiore sicurezza e controllo del territorio comunale per prevenire e contrastare fenomeni di criminalità ed atti illeciti, oltre che garantire maggiore privacy rispetto alla proliferazioni di impianti privati. Il piano di videosorveglianza delle aree artigianali denota forte volontà da parte dell’amministrazione di fornire una risposta alle esigenze di tutela delle attività produttive, che da tempo ci sono state segnalate dalle associazioni di categoria. Le tre zone sopra individuate sono aree in cui si ha una commistione di insediamenti artigianali e residenziali, obiettivo dell’ampliamento del sistema di videosorveglianza in queste zone è contrastare e creare un deterrente per possibili episodi di criminalità, attraverso l’utilizzo di telecamere con le quali individuare e perseguire tali episodi. Per il futuro in stretta collaborazione con la Prefettura e le Forze dell’Ordine procederemo alla copertura di ulteriori aree sensibili e a predisporre il controllo in tutti gli accessi della città".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, un altro studente positivo a scuola: classe in quarantena

  • Si parte in anticipo coi vaccini antinfluenzali: gratis sopra i 60 anni

  • Apre un nuovo supermercato: "Risanata un'area dismessa e investiti 5 milioni di euro"

  • Il coronavirus fa un'altra vittima. "Mascherina sulla bocca e testa sulle spalle"

  • Elezioni a Faenza: lo spoglio delle schede e i risultati - LA DIRETTA

  • Coronavirus, due positivi a scuola: quarantena per alunni e docenti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento