Cronaca

Aveva nascosto la droga dietro una chiesa: un altro pusher nella rete dell'Arma

L'extracomunitario si trovava nei giardini pubblici retrostanti la vecchia chiesa di Santa Maria del Torrione con un atteggiamento che faceva chiaramente intuire che stava nascondendo qualcosa di illegale

Continuano senza sosta i servizi dei Carabinieri per contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti nel capoluogo bizantino. I militari della stazione di Ravenna hanno arrestato nel primo pomeriggio di martedì un 23enne tunisino, irregolare sul territorio dello stato con precedenti di spaccio. L'extracomunitario si trovava nei giardini pubblici retrostanti la vecchia chiesa di Santa Maria del Torrione con un atteggiamento che faceva chiaramente intuire che stava nascondendo qualcosa di illegale.

Gli uomini dell'Arma hanno iniziato ad osservarlo in maniera discreta e dopo qualche ora, non appena l’uomo si è riportato sul posto per disseppellire ciò che aveva nascosto, l'hanno circondato. Lo straniero ha tentato di fuggire, ma dopo un breve inseguimento è stato bloccato. Sotto la siepe sono stati rinvenuti 40 grammi di hashish suddivisi in dosi pronte allo spaccio. Dopo la convalida è stato condannato a 6mesi di reclusione e 1000 euro di multa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Aveva nascosto la droga dietro una chiesa: un altro pusher nella rete dell'Arma

RavennaToday è in caricamento