Dopo il rimpatrio è tornato in Italia: pusher arrestato dopo inseguimento

Il 35enne è già noto alle forze dell'ordine: oltre ai precedenti per spaccio si è reso protagonista di un tentativo di evasione dal carcere di Ravenna nel 2010, dove stava scontando una condanna

Continuano i controlli dei Carabinieri della Compagnia di Faenza nelle "zone calde" dello spaccio a ridosso del centro storico. Durante un servizio di pattugliamento nel quadrilatero via Nuova, Campidori, Naviglio e Piazza Sercognani, effettuato martedì sera, i militari del Nucleo Operativo e Radiomobile hanno notato appartato un soggetto sconosciuto che si è avvicinato ad un altro individuo per uno "scambio". Alla vista della "gazzella", uno dei due si è dileguato in sella ad una bici, per poi proseguire a piedi correndo.

Gli uomini dell'Arma si sono posti immediatamente all'inseguimento. Lungo via Naviglio il fuggiasco è impattato contro un cassonetto, venendo così bloccato dai militari. Caricato nella pattuglia con non poca fatica, è stato portato in caserma per gli accertamenti del caso. Nella circostanza ha tentato di disfarsi di una pallina di cocaina di circa un grammo.

L'individuo, un marocchino clandestino di 35 anni, con precedenti specifici, è stato arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. Con se aveva anche 130 euro, ritenuti provento dell'attività di spaccio. Il giudice Andrea Galanti ha convalidato l'arresto, condannandolo ad un anno e due mesi di reclusione con la condizionale. Dopo la sentenza, l'extracomunitario è tornato in libertà, con il divieto di dimora nel ravennate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il 35enne è già noto alle forze dell'ordine: oltre ai precedenti per spaccio si è reso protagonista di un tentativo di evasione dal carcere di Ravenna nel 2010, dove stava scontando una condanna. Quindi era stato rimpatriato su ordine del Tribunale di Sorveglianza di Bologna. Evidentemente aveva nostalgia dell'Italia, dove è ritornato per darsi allo spaccio.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico schianto all'incrocio: nell'impatto con un'auto muore sul colpo un centauro

  • Disperato dopo la separazione, costretto a svendere su internet anche l'aspirapolvere

  • Acquista una scultura per pochi euro e scopre di aver trovato un tesoro

  • Coronavirus, l'Emilia Romagna si smarca dall'obbligo della mascherina all'aperto

  • Carambola sull'Adriatica, dopo il tamponamento lo scontro frontale: grave uno scooterista

  • Il forte vento mette in ginocchio gli alberi, due auto travolte dai tronchi precipitati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento