Cronaca Massa Lombarda

Un grosso debito di droga dietro alla sparatoria di Massa Lombarda: arrestato l'aggressore

Ci sarebbe la droga dietro alla sparatoria andata in scena giovedì pomeriggio a Massa Lombarda, lungo il Canale dei Mulini

Ci sarebbe la droga dietro alla sparatoria andata in scena giovedì pomeriggio a Massa Lombarda, lungo il Canale dei Mulini. Pare infatti che vittima, un 30enne marocchino, e aggressore, un 53enne italiano residente in zona, si fossero dati appuntamento in quella parte della città per chiarire un debito legato allo spaccio abbastanza alto, poco meno di 10mila euro. Non è chiaro cosa sia successo in seguito: fatto sta che è nato un diverbio in seguito al quale il 53enne ha poi sparato dei colpi di pistola, alcuni dei quali hanno raggiunto il 30enne al braccio e all'addome.

L'aggressore ha poi tentato di allontanarsi abbandonando la pistola, ma è stato in breve fermato dalle forze dell'ordine e infine arrestato con l'accusa di tentato omicidio, mentre il ferito si è trascinato fino allo stadio dove è stato poi soccorso dal personale del 118 e portato all'ospedale Bufalini di Cesena. Fortunatamente non sarebbe in pericolo di vita. Per fare luce sulla vicenda sono intervenuti i Carabinieri di Massa Lombarda, il radiomobile e il nucleo operativo della compagnia di Lugo e del provinciale di Ravenna. E' stata recuperata l'arma, una pistola di piccolo calibro sulla quale verranno fatte le perizie del caso. Del fatto è stata informata la pm di turno Monica Gargiulo.

"In neanche un mese Massa Lombarda ha visto il susseguirsi di due fatti di sangue degni dei migliori film western o polizieschi all’italiana - commenta il portavoce provinciale di Fratelli d'italia Alberto Ferrero, facendo riferimento alla sparatoria di qualche settimana fa - Purtroppo questa è la dimostrazione di un territorio lasciato allo sbando dal punto di vista della sicurezza. Ironia della sorte il sindaco Bassi, eletto col 70% alle scorse elezioni ma sono convinto che gran parte di chi lo ha votato se ne sia pentito, è il responsabile della sicurezza per la Bassa Romagna. Il sindaco qualche mese fa fu protagonista di un fatto di colore, quando, a seguito di una multa elevatagli dalla polizia municipale, si lasciò sfuggire delle critiche nei confronti della municipale stessa che, a suo dire, non si sarebbe dovuta trovare lì. Non vorrei che le forze dell’ordine, per paura di incontrare il sindaco e multarlo e, come in quell’occasione, essere oggetto di polemiche, abbiano deciso di non pattugliare più il comune di Massa Lombarda. Ovviamente questa è una battuta anzi, se l’aggressore è stato arrestato, è solo grazie alla prontezza di Polizia e Carabinieri. Purtroppo la politica sulla sicurezza dell’amministrazione ha dimostrato la sua inefficacia o la sua assenza. Noi di Fratelli d’Italia riteniamo che la sicurezza del cittadino debba essere posta ai vertici della scala di valori di una amministrazione, purtroppo chi per il momento, ma speriamo ancora per poco governa Massa Lombarda ha altre priorità".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Un grosso debito di droga dietro alla sparatoria di Massa Lombarda: arrestato l'aggressore

RavennaToday è in caricamento