menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Fa a pezzi gli specchietti di 22 auto e poi aggredisce i Carabinieri: in manette

Alcuni cittadini, transitando per via Falier in direzione via San Gaetanino, avevano notato un ragazzo di colore che stava danneggiano gli specchietti retrovisori di quasi tutte le auto parcheggiate

Ancora una volta i Carabinieri della Compagnia di Ravenna sono stati costretti a intervenire per porre fine all’azione folle di un uomo, arrestandolo per resistenza e oltraggio nei loro confronti, nonchè per il danneggiamento di ben 22 automibili. Nelle maglie dei militari Sezione Radiomobile del nucleo operativo radiomobile della Compagnia di Ravenna questa volta è finito un 22enne originario del Ghana, regolare col permesso di soggiorno.

Nella tarda serata di domenica sono giunte al 112 una serie di telefonate di cittadini che, transitando per via Falier in direzione via San Gaetanino, avevano notato un ragazzo di colore che stava danneggiano gli specchietti retrovisori di quasi tutte le auto parcheggiate sul quel tratto di strada. Immediatamente una pattuglia del Norm della Compagnia di Ravenna ha raggiunto la zona e ha rintracciato un 22enne, domiciliato nel ravennate, che corrispondeva alla descrizione. I militari hanno cercato di calmare l'uomo, in evidente stato di agitazione e con lesioni sul dorso delle mani conseguenti ai pugni tirati sugli specchietti. In tutta risposta, lui avrebbe spintonato i Carabinieri opponendo resistenza, indirizzando nei loro confronti epiteti e frasi ingiuriose, motivo per il quale l’uomo è stato bloccato e tratto in arresto.

Il 22enne, trattenuto nelle camere di sicurezza del Comando Provinciale Carabinieri di Ravenna in attesa del giudizio direttissimo, lunedì mattina è comparso davanti al Giudice del Tribunale di Ravenna che, dopo la convalida dell’arresto, lo ha sottoposto alla misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune con permanenza notturna presso il proprio domicilio, in attesa della prossima udienza.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento