menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Festa d'inaugurazione alla spiaggia per disabili nata dal sogno di un malato di sla

Una grande festa d'inaugurazione, proprio nel giorno del compleanno di Dario. E' stata inaugurata martedì, nonostante la pioggia, la prima spiaggia attrezzata per disabili gravi in Emilia-Romagna

Una grande festa d'inaugurazione, proprio nel giorno del compleanno di Dario. E' stata inaugurata martedì, nonostante la pioggia, per la stagione 2019 la spiaggia 'Tutti al mare. Nessuno escluso' dell'associazione 'Insieme a Te', che ad agosto 2018 ha portato a Punta Marina Terme 93 persone con disabilità gravi (Sla, Sma, Sclerosi Multipla, distrofia muscolare) mobilitando 285 volontari, tra giovani e adulti circa dieci operatori ogni giorno. È la prima spiaggia attrezzata per disabili gravi in Emilia-Romagna, la terza in tutt'Italia (una in Liguria a Sestri Levante, l'altra in Puglia a San Foca, in provincia di Lecce).

dario1-2

"Nasce da un viaggio - ha raccontato Debora Donati - quello che io e mio marito abbiamo fatto in Puglia. Mio marito era malato di Sla e abbiamo fatto centinaia di chilometri per avere una 'normale' giornata di mare". Lo stabilimento è quello di San Foca, in provincia di Lecce, che fino a poco tempo fa rappresentava l'unica realtà marina totalmente gratuita attrezzata per accogliere i malati di Sla. "Da quell'esperienza è nata la voglia di rendere accessibile anche una piccola fetta di spiaggia nella nostra regione. Ci siamo riusciti l'anno scorso".

È stato allestito un accesso balneare temporaneo (pavimentazione, box in legno prefabbricato e un pergolato sostenuto da colonne in legno), nella zona della spiaggia libera tra il bagno Chicco Beach e il bagno Susanna, dotato di attrezzature specifiche come gli attacchi elettrici per i respiratori. "Questo per permettere a persone affette da malattie gravemente invalidanti e alle proprie famiglie - ha continuato Donati - di trascorrere una breve vacanza o un giorno in spiaggia e di accedere al mare con l'accompagnamento dei volontari". Il tutto con una spesa di circa 75 mila euro, di cui il 10% finanziato dal Comune di Ravenna e il restante ottenuto con eventi di beneficenza e donazioni di altre associazioni. “Tutti al mare, nessuno escluso” è uno dei tre soli stabilimenti italiani attrezzati in modo tale da permettere di fare il bagno in mare a persone con disabilità molto gravi, grazie anche al supporto e alla collaborazione di numerosi volontari. Dei 93 ospiti accolti 82 arrivavano dall'Emilia-Romagna, 10 da altre regioni e uno dall'Ucraina.

E in questa estate 2019 l'associazione ha deciso di raddoppiare. Prima di tutto i mesi, che diventano due, luglio e agosto. Poi le postazioni con attacchi elettrici per i respiratori che diventeranno dieci. E infine gli ausili per entrare in acqua, come sedie o lettini. Altra novità è la messa a disposizione di quattro appartamenti "in modo da riproporre - ha spiegato la presidente di 'Insieme a te' - la stessa situazione che hanno a casa. Ospiteremo oltre 30 famiglie".

"Alla fine il bene vince sempre, alla fine le cose che fai con il cuore tornano sempre al cuore - continua Debora - Noi siamo felici di condividere questi momenti davvero speciali: sotto a quei gazebo si crea qualcosa di magico che va oltre il bagno in mare, va oltre ogni tipo di accessibilità... Questo si chiama amicizia, si chiama amore e siamo pronti a ripartire più carichi di prima. Grazie a tutti i nostri volontari che s'impegnano tutti i giorni per far sì che tutto sia il più bello possibile. Grazie alle istituzioni che ci accompagnano in ogni scelta". Tra i presenti martedì sera all'inaugurazione, anche la consigliera regionale Manuela Rontini: "Dario oggi avrebbe compiuto gli anni. Non c’era stasera in spiaggia, o forse sì... Perché se l’esperienza di Punta Marina per il secondo anno consecutivo è possibile, dobbiamo dire grazie soprattutto a lui e a sua moglie Debora. Accettare le sofferenze e le fatiche che la vita ci mette davanti non è facile. Loro hanno saputo rispondere con generosità e tenacia, aprendo il cuore agli altri. Un grande regalo per le persone con disabilità fisiche anche gravi, che potranno trascorrere una giornata di ‘normalità’ al mare, assieme alle loro famiglie. Ma sopratutto un grande regalo per tutti noi".

dario3-2

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento