Misterioso spot del supermarket sulle mura del Comune: "Azione di guerrilla marketing"

Nuovi risvolti nel caso portato in consiglio da Ravenna in Comune, che ha presentato un question time su una proiezione "insolita" che ha fatto la sua comparsa sulle mura di palazzo Merlato

Nuovi risvolti nel caso portato in consiglio martedì da Massimo Manzoli, capogruppo, di Ravenna in Comune, che ha presentato un question time su una proiezione "insolita" che, il 25 novembre scorso, ha fatto la sua comparsa sulle mura di palazzo Merlato, sede comunale, pubblicizzando l'inaugurazione di un supermercato al centro commerciale Esp.

L'assessore: "Non lo sapevamo"

Durante il consiglio comunale, l'assessore Massimo Cameliani ha risposto che gli uffici comunali preposti stanno lavorando per accertare se, come supposto dall'amministrazione, sia dovuta l'imposta comunale di pubblicità. "Non c'è stata, infatti, occupazione di suolo pubblico, ma la norma non è chiara in merito - ha spiegato l'assessore - Sono già stati fatti dei verbali dalla Polizia municipale. Non eravamo a conoscenza di questa forma di pubblicità".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il supermercato: "Azione di guerrilla marketing"

Ma, se il Comune non ne era a conoscenza, chi ha dato il permesso all'azienda per effettuare la proiezione pubblicitaria? "Si è trattato di un'operazione di guerrilla marketing - spiegano dall'ufficio stampa della catena di supermercati - Un'azione che, proprio in quanto tale, non prevede la richiesta di permessi". Il guerrilla marketing è definito infatti come una forma di promozione pubblicitaria non convenzionale e a basso costo ottenuta attraverso l'utilizzo creativo di mezzi e strumenti aggressivi, che fanno leva sull'immaginario e sui meccanismi psicologici degli utenti finali. Come spiegato dall'assessore, non è semplice capire a quali regole debba sottostare questo tipo di marketing. "In passato è già stato fatto da tanti brand su altri monumenti in giro per il mondo, per noi invece è stata la prima volta - concludono dalla catena di supermercati - Non vogliamo polemizzare: sappiamo che anche questo ambito, come tutti gli altri, comporta delle leggi, e se arriveranno delle sanzioni le pagheremo".

Lo spot del supermercato su palazzo Merlato, il Comune: "Non lo sapevamo"

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si tuffa nella piscina dell'hotel, poco dopo lo ritrovano morto in acqua

  • Fatale incidente nella notte: muore in bici investito da un'auto

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Imbocca la Classicana contromano: schianto tra due auto e un camion

  • Trovato senza sensi in acqua, morto un anziano turista in spiaggia

  • Si schianta contro il guard rail in autostrada: automobilista in gravi condizioni

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento