Cronaca

"Stirpe selvaggia", del ravennate Eraldo Baldini. Quando Buffalo Bill arrivò in Romagna

Il Wild West Show di Buffalo Bill fece tappa a Ravenna nel 1906. Da questo evento prende le mosse il nuovo romanzo di Eraldo Baldini. Le prime presentazioni a Brisighella e Ravenna.

Il 12 aprile del 1906 a Ravenna fa tappa uno spettacolo circense molto particolare. Si tratta del Wild West Show di Buffalo Bill, nome d’arte di William Frederick Cody, attore e cacciatore statunitense, nonché soldato, esploratore e impresario teatrale. “Ecco il primo scalpo per Custer” fu la frase che lo rese famoso, pronunciata dopo un breve corpo a corpo con il capo indiano Mano Gialla nel 1876.

È da questa premessa che parte il nuovo romanzo dello scrittore ravennate Eraldo Baldini, “Stirpe selvaggia” (Einaudi), uscito il 29 novembre a tre anni di distanza da “Nevicava sangue”.
“È un’idea che avevo da tempo – racconta Baldini -, su cui ho lavorato con lentezza perché desideravo che questa storia diventasse un romanzo con la erre maiuscola. Di leggendarie attribuzioni di paternità a Buffalo Bill ne ho sentite tante in Romagna”.

Protagonista della vicenda è Amerigo, un bambino che vive con la madre a San Benedetto in Alpe, paese dell’Appennino tosco-romagnolo. Ha 9 anni quando Buffalo Bill arriva a Ravenna con il suo Wild West Show e rimane sorpreso che la madre sia disposta ad affrontare un viaggio di 50 chilometri per farlo assistere allo spettacolo. Sotto quella tenda verrà a scoprire che Buffalo Bill è suo padre. L’”eroe”, però, non vuole nemmeno incontrarlo e questo rifiuto spinge il già inquieto Amerigo a schierarsi per sempre dalla parte degli indiani.

“Questo – prosegue Baldini – è stato il punto di partenza per raccontare i primi cinquant’anni del Novecento. Cosa si sarebbero aspettati gli altri dal figlio di Buffalo Bill? E come si sarebbe sentito lui? Attraverso una grande amicizia, che non finisce mai, e una storia d’amore che in realtà non comincia nemmeno ho voluto raccontare la ‘grande storia’”.

Le vite di Amerigo, Mariano e Rachele, amici da sempre, si perdono e si ritrovano, in una danza senza fine attraverso la Settimana Rossa, la Prima Guerra Mondiale, la nascita dei regimi totalitari. E lui, Amerigo, eroe romantico e modernissimo diviso tra la voglia di intessere relazioni profonde e quella di scappare via da tutto, di chiamarsi fuori dal corso degli eventi.

In questo romanzo Baldini si libera dai vincoli di genere – il gotico rurale di cui può essere considerato il fondatore – e dà vita a un affresco storico di grande respiro.

“Stirpe selvaggia” verrà presentato sabato 3 gennaio alla biblioteca di Brisighella (ore 17) e il 21 dicembre (giorno del compleanno di Baldini) a Ravenna a palazzo Rasponi delle Teste (ore 18.30). In quest’ultima occasione sarà presente anche Carlo Lucarelli.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Stirpe selvaggia", del ravennate Eraldo Baldini. Quando Buffalo Bill arrivò in Romagna

RavennaToday è in caricamento