menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Stretta sulle vacanze in Europa: mini-quarantena e tampone obbligatorio per chi torna

Una quarantena ridotta che, secondo qualcuno, avrebbe anche l'effetto indiretto di scoraggiare chi aveva in mente un weekend lungo in occasione delle vacanze pasquali all'estero

E' stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale l'ordinanza firmata dal ministro della Salute, Roberto Speranza, che prevede tampone, quarantena di 5 giorni e di nuovo test molecolare o antigenico per chi arriva o rientra in Italia anche dai Paesi dell'Unione europea. Il provvedimento sarà in vigore dal giorno successivo alla pubblicazione fino al 6 aprile. La quarantena oggi come oggi è già prevista per tutti i Paesi extra europei.

Viaggi Ue: tampone in partenza, quarantena di 5 giorni e poi tampone

Una quarantena ridotta che, secondo qualcuno, avrebbe anche l'effetto indiretto di scoraggiare chi aveva in mente un weekend lungo in occasione delle vacanze pasquali all'estero. Essenziale in questa complicata fase dell'epidemia in Italia evitare contagi al rientro.

Negli scorsi giorni non sono mancate le polemiche legate alla possibilità, per i cittadini italiani, di viaggiare solo all’estero per turismo, mentre in mezza Italia non si può nemmeno uscire dal proprio Comune. Dura la critica del presidente dell'Emilia Romagna e della Conferenza delle Regioni Stefano Bonaccini: "Non si possono incontrare i propri cari, magari a pochi chilometri di distanza, ma è possibile prendere un aereo e farne migliaia per svago? Un controsenso che penalizza anche tutti gli operatori turistici e gli albergatori che da tanti mesi sono alle prese con forti perdite economiche. Spero si faccia presto chiarezza su questa assurda anomalia".

In tutta Italia non si potrà uscire dai confini comunali - a parte le solite motivazioni di salute, necessità, lavoro - durante la lunga zona rossa pasquale. Quindi chi volesse fare, ad esempio, il weekend lungo alle Baleari per le vacanze di Pasqua (magari proprio con quei genitori o fratelli con cui a casa in Italia gli è vietato in molti casi persino pranzare insieme), deve sapere che al ritorno lo attende la quarantena ridotta con conseguente tampone obbligatorio. 

Secondo il decreto-legge in vigore dal 15 marzo - che non apporta novità rispetto a quanto stabilito dal Dpcm 2 marzo 2021 - e fino al 6 aprile 2021 si può viaggiare in Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca (incluse isole Faer Oer e Groenlandia), Estonia, Finlandia, Francia (inclusi Guadalupa, Martinica, Guyana, Riunione, Mayotte ed esclusi altri territori situati al di fuori del continente europeo), Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi (esclusi territori situati al di fuori del continente europeo), Polonia, Portogallo (incluse Azzorre e Madeira ), Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna (inclusi territori nel continente africano), Svezia, Ungheria, Islanda, Norvegia, Liechtenstein, Svizzera, Andorra, Principato di Monaco.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Torna l'iniziativa "Parliamo della mia salute": gli incontri

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento