"Terremoto castigo divino": è polemica sulle parole di Padre Giovanni Cavalcoli

Interpellato nel corso della trasmissione "La Zanzara" su Radio 24, non ha cambiato idea nonostante la condanna esplicita del Vaticano.

I terremoti nel centro Italia? Sono "provocati da peccati dell'uomo come le unioni civili". E' l'affermazione che ha messo al centro della polemica Padre Giovanni Cavalcoli, 75enne ravennate. Il collaboratore di Radio Maria è finito nella bufera per aver associato i recenti terremoti al 'castigo divino' legato alla legge sulle unioni civili. Interpellato nel corso della trasmissione "La Zanzara" su Radio 24, non ha cambiato idea nonostante la condanna esplicita del Vaticano. 

I conduttori hanno fatto ascoltare le frasi incriminate ("Dal punto di vista teologico questi disastri possono essere considerati un castigo del peccato originale") e Padre Cavalcoli non ha fatto marcia indietro: "Risentendo le mie parole, tutto sommato è un'opinione legittima. Si può pensare che il terremoto possa essere un richiamo, un castigo". "Le unioni gay sono un peccato? Si capisce - ha aggiunto -. Un omosessuale è una persona che pecca contro natura. Due uomini che stanno insieme cosa sono? Peccatori", prosegue.

Incalzato da Giuseppe Cruciani, Padre Giovanni ha ricordato di essere "dottore in teologia da 30 anni, ho lavorato in Vaticano con san Giovanni Paolo II e ribadisco che peccati come l'omosessualità meritano il castigo divino", che si può manifestare anche con i terremoti. Evocando anche "Sodoma e Gommora", il padre domenicano ha ripetuto che quelli che sono i "principi dell'etica cristiana" che dicono che "l'omosessualità è contro natura, sono peccatori".

Il Vaticano, gli è stato fatto notare durante la trasmissione, ha condannato la condotta di Radio Maria: "Ripassino il catechismo...". Sul suo sito, l'emittente cattolica si è dissociata dalle frasi "incriminate", precisando peraltro che non vanno attribuite al direttore padre Livio Fanzaga. La redazione dell'emittente cattolica ha spiegato che "le espressioni riportate sono di un conduttore esterno, fatte a titolo personale, che non rispecchiano assolutamente il pensiero di Radio Maria al riguardo".

LA BIOGRAFIA - Nato a Ravenna il 9 agosto del 1941, Padre Giovanni Cavalcoli si è laureato in filosofia a Bologna nel 1970 sotto la guida di Gianfranco Morra con una tesi dal titolo “La crisi dell’intellettuale nella società moderna”. Entrato nell’Ordine Domenicano nel 1971, è stato ordinato sacerdote nel 1976. Ha insegnato teologia dal 1979 al 1982 nell’allora Studio Teologico Accademico Bolognese. Nell'anno accademico 1980-1981 ha tenuto un corso sul linguaggio teologico nello Studio Teologico “Antoniano” di Bologna. Dal 1980 al 1982 ha insegnato psicologia e metafisica presso il Seminario di Ravenna. Ha conseguito la licenza in filosofia nel 1981 e il dottorato in teologia presso la Facoltà Teologica Pontificia “S. Tommaso d’Aquino” di Roma nel 1984 sotto la guida di P. Alvaro Huerga, OP, con una tesi dal titolo “Il giudizio per affinità nel dono della sapienza”. Dal 1988 al 1989 ha tenuto corsi sulla Sapienza nell’Istituto di Magistero “Maria Assunta” di Roma. Ha ripreso l’insegnamento insieme con quello di Metafisica al ritorno da Roma nello Studio Teologico Accademico Bolognese, elevato a Facoltà Teologica nel 2004. Dal 1992 è socio della Pontificia Accademia Teologica Romana. Dal 2011 è docente emerito di Teologia Dogmatica nella Facoltà Teologica dell’Emilia-Romagna e di Metafisica nello Studio Filosofico Domenicano di Bologna.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

Torna su
RavennaToday è in caricamento