menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Terremoto a Ravenna: "Nessun collegamento con l'Emilia"

Per capire le dinamiche ed eventuali collegamenti con il terremoto in Emilia, Romagnaoggi ha intervistato Franco Mele, sismologo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia

Una nuova scossa di terremoto, ma questa volta l'epicentro è in Romagna, tra Ravenna e Cervia, in mare, ad una profondità di 25,6 km. La scossa, di magnitudo 4,5 Richter è arrivata poco dopo le 6 di mercoledì mattina. Per capire le dinamiche ed eventuali collegamenti con il terremoto in Emilia, Romagnaoggi ha intervistato Franco Mele, sismologo dell'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, che sta seguendo i terremoti in Emilia-Romagna.

Si tratta di una nuova faglia? Collegata a quella emiliana?
Quello di mercoledì mattina è un terremoto diverso, verificatosi ad 80 km di distanza dalle zone del Modenese e del Ferrarese, dove, peraltro, le scosse stanno continuando. Non si possono collegare. Geologicamente le due zone si trovano agli estremi opposti di quello che viene definito l'arco di Ferrara, la grande fascia collinare  dell'arco appenninico sepolta dai detriti del Po. Il Ferrarese ed il Modenese, dove sono stati gli epicentri delle prime due scosse del 20 e 29 maggio, si trovano all'estremità occidentale dell'arco, mentre l'area tra Ravenna e Cervia, epicentro della scossa odierna, all'estremità orientale. La cronologia dei fenomeni sarebbe anche potuta essere diversa. I terremoti dell'Emilia sono di tipo compressivo, di questo ancora non sappiamo

Essendo stato l'epicentro in mare, si sono registrate onde anomale? Ci potrebbe essere il rischio di uno tzunami?
Assolutamente no, si è trattato di un terremoto molto profondo e poco energetico. Un piccolo terremoto per la sismologia. Si pensi che nelle zone colpite da tzunami si sono verificati terremoti di magnitudo 9 Rihcter. Qui si parla di 5 gradi in meno

Di quanto si è spostato l'epicentro?
L'epicentro non si è spostato. Si tratta di un altro terremoto ad 80 km di distanza dai precedenti. La faglia del ferrarese e del modenese ha avuto, con le due scosse più forti due diverse rotture. Il terremoto non si sposta

La scossa di mercoledì è stata sussultoria o ondulatoria?

Qualunque terremoto genera entrambe le onde. Il moto verticale, provocato dalle onde primarie, viene percepito per primo, specialmente se si è vicini all'epicentro, perchè le onde sono più veloci. Subito dopo arrivano le onde orizzontali, quelle secondarie
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Il gioco da tavolo dell'Inferno di Dante approda a Ravenna

Salute

Cos'è e come si misura l'Indice di Massa Corporea?

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento