Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Il cuore dei ravennati arriva ai terremotati di Treia: "Una giornata unica"

Il gruppo è stato ricevuto dal sindaco di Treia, dagli assessori, dal comandante della Polizia municipale e dalla Protezione civile locale

La settimana scorsa una delegazione ravennate, composta tra gli altri dall’assessore al Volontariato e alla Protezione civile Gianandrea Baroncini, da rappresentanti dell’associazione Radio Club Mistral e dell’azienda Arsi, è stata a Treia (Macerata) per consegnare il materiale raccolto nel corso di una campagna di sensibilizzazione a favore delle scuole del paese, colpito dal terremoto. Il gruppo è stato ricevuto dal sindaco di Treia, dagli assessori, dal comandante della Polizia municipale e dalla Protezione civile locale.

Alla raccolta hanno contribuito le scuole. Durante il “Natale solidale” sono stati inoltre raccolti giochi da Iper Esp; altri materiali sono stati raccolti dal gruppo Gip della parrocchia di San Paolo, dal gruppo Cral della Cassa di Risparmio di Ravenna e da moltissime altre realtà locali e singoli cittadini. I computer donati dal gruppo Arsi sono invece stati acquistati in loco con l’obiettivo, voluto dall’azienda Arsi, di dare un doppio contributo, sostenendo anche un’impresa del luogo.

Il cuore di Ravenna tra i terremotati di Treia

Il materiale raccolto è stato tantissimo e di varia tipologia, ma nel rispetto di quanto chiesto dalla dirigente scolastica dell’istituto Paladini: materiale scolastico, attrezzatura per la palestra, giochi, libri per i vari livelli scolastici fino alla donazione di una biblioteca privata della famiglia Baroncelli, arredi scolastici e molto altro. Mentre un gruppo di volontari Mistral scaricava il materiale un altro gruppo ha visitato le varie aule sparse per il comune a seguito del sisma.

I bambini, dalla scuola dell’infanzia alle medie, hanno accolto la delegazione ravennate con disegni, doni e tanto calore. Gli alunni delle elementari hanno salutato il gruppo cantando l’inno d’Italia; quelli delle medie sono stati rappresentanti dalla Consulta dei ragazzi e delle ragazze. La giornata è proseguita con la visita al santuario del Santissimo Crocifisso, che non è agibile, e il pranzo insieme ai frati minori.

"E’ stata una giornata unica - commenta l’assessore Baroncini - ricca di emozioni e condivisione. Ringrazio tutti i ravennati che a qualsiasi titolo hanno dato il loro contributo. Il rapporto con la comunità di Treia è stato di scambio reciproco. Non siamo stati solo noi a dare una mano a loro in un momento di grande difficoltà. Sono stati anche loro, con la capacità di reagire che stanno dimostrando, a darci una grande lezione".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il cuore dei ravennati arriva ai terremotati di Treia: "Una giornata unica"

RavennaToday è in caricamento