Terrorizzava moglie e figli: padre padrone ora in cella

Maltrattamenti, lesioni e violenza sessuale. Sono i pesanti capi di imputazione che hanno portato in carcere un 43enne serbo, residente da anni a Ravenna

Maltrattamenti, lesioni e violenza sessuale. Sono i pesanti capi di imputazione che hanno portato in carcere un 43enne serbo, residente da anni a Ravenna. L’indagine, coordinata dal sostituto procuratore di Ravenna Angela Scorza e condotta dalla Sezione specializzata in reati contro la persona e reati sessuali della Squadra Mobile, ha permesso di appurare violenze e maltrattamenti sia nei confronti della moglie che degli altri familiari, ancor prima dell’arrivo del nucleo familiare in Italia risalente alla fine degli anni ‘90.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l'uomo spesso tornava a casa ubriaco, iniziando furiosi litigi con la moglie. In una circostanza l'ha picchiata con violenza, provocandole la frattura del setto nasale. In un'altra occasione aveva cacciato di casa sia la donna che i figli, costringendoli a trascorrere la notte al freddo in un parco. Il gip di Ravenna Piervittorio Farinella ha firmato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere per maltrattamenti, lesioni personali aggravate e violenza sessuale. Ora l'uomo è in carcere a disposizione della magistratura.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • "Babbo, da dove viene la mia famiglia?": e lui ricostruisce 7 secoli di parenti in tutto il mondo

Torna su
RavennaToday è in caricamento