rotate-mobile
Domenica, 14 Aprile 2024
Cronaca

Ultimo atto per le torri Hamon, gru al lavoro: parte la demolizione

Avviate le operazioni di smantellamento di una delle due torri dell'ex Sarom: nell'area Eni realizzerà un parco fotovoltaico

A nulla sono valse le proteste di cittadini e associazioni riuniti ieri in piazza del Popolo. Martedì mattina sono iniziate le operazioni di demolizione di una delle due torri Hamon, mediante l'utilizzo di una gru. Uno smantellamento contro cui si erano espressi diversi ravennati, dopo che il sindaco Michele De Pascale aveva reso note le intenzioni di Eni, che detiene l'area dell'ex Sarom. Pare quindi che i cittadini contrari alla demolizione delle due iconiche torri di raffreddamento dovranno arrendersi, nonostante una seconda manifestazione di protesta sia prevista per domenica in Darsena.

Partita la demolizione delle torri Hamon (foto Massimo Argnani)

La stessa Eni aveva reso noto come l'intervento di demolizione non fosse più rimandabile "anche per ragioni di sicurezza, vista la vetustà e lo stato di conservazione delle torri che risultano interessate da fenomeni di disgregazione con possibile caduta di calcinacci, fenomeno ben visibile e già in essere". Un intervento di smantellamento connesso alla realizzazione del progetto di un parco fotovoltaico per la produzione di energie rinnovabili nell'area dell'ex Sarom lungo il canale Candiano.

Qui il link per iscriversi al canale WhatsApp di RavennaToday

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ultimo atto per le torri Hamon, gru al lavoro: parte la demolizione

RavennaToday è in caricamento