Caos in pizzeria, bagno nella fontana e insulti agli agenti: tre trapper nei guai

Bravate ed eccessi alcolici postati tramite video sul web per aumentare il numero dei fan sperando di non essere identificati. Ma così non è stato

Un fotogramma del video postato su Youtube del bagno nella fontana di Milano Marittima

“Influencer” e musicisti “trapper” con un nutrito seguito di follower nel mondo dei reati e di comportamenti discutibili. Bravate ed eccessi alcolici postati tramite video sul web per aumentare il numero dei fan sperando di non essere identificati. Ma così non è stato: sono finiti nei guai, nelle ultime ore, tre giovani turisti milanesi, in vacanza nel Salento.

Si tratta di due 20enni milanesi e di un 21enne di Sesto San Giovanni che, nella notte tra domenica e lunedì, sono stati denunciati dai poliziotti del commissariato di Otranto per disturbo della quiete pubblica e imbrattamento di cose di interesse storico e artistico. I tre amici sono noti al pubblico dei giovani navigatori della rete: uno di loro conta addirittura 500mila follower. L’attività investigativa della polizia è stata denominata “Not traceable” proprio per via delle difficoltà nell’intercettare i tre giovani musicisti, risalendo alla loro identità reale. Per scoprire le loro generalità, agenti e colleghi della polizia scientifica sono stati costretti a visionare tutti i video divulgati dal gruppo sul web.

Tutto è cominciato da un video online nel quale i tre amici, seguiti da una quindicina di ragazzi del posto - dei quali si stanno ora accertando eventuali coinvolgimenti e responsabilità - fingono di rubare l’autocompattatore della nettezza urbana. In realtà si tratta soltanto di una sorta di fotomontaggio creato ad arte e con molta competenza tecnologica: ma i sacchi di spazzatura dal furgone sono stati lanciati per davvero in strada. Prelevati dal furgone e gettati via, il tutto tra urla notturne e schiamazzi. Motivo per cui, d’intesa con la Procura della Repubblica di Lecce, sono stati contestati loro i reati di imbrattamento e disturbo della quiete pubblica.

Giunti nel Salento nei giorni successivi a Ferragosto - probabilmente anche per produrre video per incrementare il proprio numero di follower - e già ripartiti nelle ultime ore, i tre amici si sono divertiti, sin da subito, con una serie di comportamenti illeciti o ai limiti della legalità, trascinando dietro di sé anche un gruppo di fan locali. La vacanza “mordi e fuggi” dei tre milanesi si è svolta tra eccessi comportamentali e alcolici, spesso immortalati e condivisi su Instagram e sulle pagine di altri social. Gli stessi poliziotti si sono trasformati in follower, per analizzare ogni singolo fotogramma di quei filmati e risalire all’identità dei trapper milanesi.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In uno dei video più noti, girati proprio nell’estate in corso, i tre indagati hanno consumato una lauta cena in una pizzeria di Milano Marittima. Nell’attesa delle numerose portate ordinate non sono mancati balletti sui tavoli davanti agli occhi, allibiti, degli altri clienti e dello stesso titolare del locale. La serata è stata poi conclusa con il bagno nella celebre fontana della Rotonda. Raggiunti dalla Polizia locale, i tre amici hanno inveito anche contro gli agenti: insulti, gestacci e persino dei versi musicali contro la municipale. La polizia di Otranto, alle 3 e mezzo della notte tra domenica e lunedì, ha concluso l’attività iscrivendo nel registro degli indagati i tre giovani trapper. Sono in corso degli approfondimenti sul loro seguito di amici “autoctoni”. Il provvedimento notificato ai tre in Lombardia, dove sono già rincasati nei giorni scorsi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, nuova stretta in vista: a rischio chiusura ristoranti, parrucchieri e palestre

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento