menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Tre studenti su quattro scelgono l'ora di religione. L'arcivescovo: "E' un'ora per ascoltare i giovani"

Nell’anno scolastico 2017/2018 mediamente, oltre il 75% degli alunni delle scuole ravennati (nei suoi vari ordini e gradi) ha scelto di avvalersi dell’ora di religione.

"Un’ora “diversa”, un’ora per ascoltare i giovani, i loro sogni, le loro domande". Questo è l’Insegnamento della Religione cattolica (Irc) e la ragione per la quale l’arcivescovo di Ravenna Cervia, monsignor Lorenzo Ghizzoni e il direttore dell’Ufficio Catechistico e della Pastorale Scolastica, don Andrea Bonazzi, invitano a sceglierla, anche quest’anno, con una lettera ai genitori e agli alunni. Nell’anno scolastico 2017/2018 mediamente, oltre il 75% degli alunni delle scuole ravennati (nei suoi vari ordini e gradi) ha scelto di avvalersi dell’ora di religione.

"E questo perché l’Irc, si legge nella lettera firmata dall’arcivescovo e dal direttore dell’Ufficio Catchistico, è “un’occasione di ascolto delle domande più profonde e autentiche degli alunni, da quelle più semplici e radicali dei piccoli a quelle più provocanti degli adolescenti. Le indicazioni attuali ai docenti per l’insegnamento della Religione cattolica danno ampio spazio a queste domande; gli insegnanti sono preparati all’ascolto, atteggiamento necessario per sviluppare un confronto serio e culturalmente fondato”. L’Irc è infatti uno degli ambiti privilegiati attraverso i quali la Chiesa si è data il compito di ascoltare i giovani, obiettivo prioritario e urgente emerso anche dai lavori del recente sinodo sui giovani, come si legge nel documento finale: “I giovani sono chiamati continuamente a compiere scelte che orientano la loro esistenza; esprimono il desiderio di essere ascoltati, riconosciuti, accompagnati. Molti sperimentano come la loro voce non sia ritenuta interessante e utile in ambito sociale ed ecclesiale”.

“Anche per questi motivi, cari Studenti e Genitori – concludono l’arcivescovo e don Bonazzi –, desideriamo rinnovare l’invito ad avvalervi dell’Insegnamento della Religione Cattolica, sicuri che potrete trovare docenti e compagni che sapranno accompagnarvi lungo un percorso di crescita umana e culturale necessario per l’oggi e per il futuro”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento