menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Troppo rumore al circolo": polemica sull'Abajour, il caso arriva in consiglio

E' di questi giorni l'ultima polemica scaturita dall'eterna diatriba tra locali che promuovono vita sociale, divertimento e congregazione e relativo diritto al riposo del vicinato circostante

E' di questi giorni l'ultima polemica scaturita dall'eterna diatriba tra locali che promuovono vita sociale, divertimento e congregazione più o meno giovanile e relativo diritto al riposo del vicinato circostante. Questa volta a farla emergere è stato il Circolo Abajour di via Ghibuzza, a Ravenna, che nei giorni scorsi ha annunciato la chiusura del giardino del circolo. "A malincuore abbiamo dovuto annullare eventi, lavoratori creativi per bambini e molte delle attività culturali svolte dal circolo - spiegano i titolari - La causa è il vicinato di via Ghibuzza e lo scarso interesse da parte della nostra città nel tutelare non solo attività culturali riguardanti musica, cinema, comicità, ma anche la vita notturna dei suoi abitanti. Fare poco "casino", stare aperti solo cinque giorni e chiudere prestissimo non è stato sufficiente per il sistema. Da oggi si può fumare solo per strada, perchè purtroppo i soci che fumavano nel giardino davano troppo fastidio a chi abita di fianco a noi, ed evidentemente hanno ragione loro".

Il caso non è rimasto inascoltato dalla politica locale, tanto che la capogruppo in consiglio della lista CambieRà Samantha Tardi ha depositato un question time in merito. "Il circolo si trova in una piccola stradina stretta e priva di parcheggio, completamente composta da vecchie case residenziali ai margini della Via Fiume Abbandonato - spiega la consigliera d'opposizione - Polemiche simili non sono rare nella nostra città: infatti abbiamo assistito, negli anni, a diversi tentativi di apertura di locali per accontentare la giovane cittadinanza, costretta altrimenti ad uscire da Ravenna per trovare luoghi interessanti, colpiti poi dal difficile connubio tra movida e vicinato, il quale pretende, anche giustamente, di aver diritto al riposo notturno. Chiediamo a sindaco e giunta: cosa si intende fare per conciliare le esigenze di entrambe le utenze? Quale posizione assume questa amministrazione di fronte, in questo caso, alla vicenda Abajour? Esistono intenzioni politiche per poter creare quartieri interamente a vocazione “movida”, mantenendo i residenziali scevri da rumori fastidiosi sotto casa?".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento