"Nonna sono in ospedale col Covid, mi servono soldi": la truffa colpisce una ravennate

E' questa, in sintesi, l'ultima trovata dei truffatori che cercano di raggirare le persone - specialmente gli anziani - sfruttando l'emergenza Covid come scusa

"Nonna aiutami, ho il Coronavirus e sono in ospedale, mi servono soldi!". E' questa, in sintesi, l'ultima trovata dei truffatori che cercano di raggirare le persone - specialmente gli anziani - sfruttando l'emergenza Covid come scusa. Funziona così: la vittima riceve una chiamata da una persona che si finge medico e che dice che un parente, figlio o nipote, è grave in ospedale a causa del Covid e che servono soldi per una nuova cura sperimentale. Il finto medico dice il nome esatto del parente, così l'anziano si preoccupa e non si insospettisce. In alcuni casi il truffatore finge addirittura di essere il parente "malato".

Ma come ha fatto a scoprire il nome del parente? Qualche giorno prima la stessa persona, o un complice, chiama la vittima fingendo di fare un sondaggio telefonico e così carpisce i dati dei parenti. All'apparenza un innocente sondaggio telefonico, che sembra un'indagine di mercato, per scoprire i nomi di figli e nipoti e poi fare telefonate mirate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Giovedì la truffa ha colpito Luciana, una donna di Ravenna, che fortunatamente non è cascata nel trucchetto dei truffatori: "Ho ricevuto una telefonata dove una ragazza si spacciava per mia nipote, dicendomi che era all'ospedale con 40 e mezzo di febbre - racconta la donna - Quando ho chiesto dov'erano i genitori, mi ha risposto che stavano facendo il tampone e non potevano rispondere al telefono. Mi sono messa in allarme perchè non riconoscevo la voce di mia nipote: al che mi ha risposto che aveva la flebo, la mascherina e non riusciva a parlare bene. La pronuncia era torinese, mia nipote ha la mamma torinese quindi sapevano come parlare. Mi ha anche chiesto se andavo a comperare delle punture che arrivano dalla Cina e sono molto costose. Quando le ho chiesto "ma scusa la mamma ti ha detto di fare questo?", lei ha risposto "sì perchè la mamma e il papa stanno facendo il tampone, se faccio queste punture fra due giorni sono fuori dall'ospedale". Mi è preso un colpo, ma fortunatamente ho capito che qualcosa non quadrava, non aveva senso. Pur essendo agitatissima ho capito le ho detto che avrei chiamato i genitori, poi ci saremmo risentite".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Verso un nuovo decreto: coprifuoco, scuola al pomeriggio e restrizioni per i locali

  • Il premio 'Cucina dell'anno' a una locanda romagnola: "Siamo orgogliosi"

  • Coronavirus, il nuovo dpcm: piscina e palestre sotto esame. Dalle 21 possibili coprifuoco

  • Il Coronavirus torna nelle case di riposo: positivi 14 anziani e 3 oss

  • Folle inseguimento sulle auto rubate nella notte: finisce con un incidente

  • 10 alunni e 2 insegnanti positivi al Covid: la scuola chiude e fa il tampone a tutti

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento