menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Truffa, associazione a delinquere e traffico di rifiuti: bufera giudiziaria per la Cmc

L'indagine, stando ai pochi particolari che circolano da ambienti investigativi, ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati dei vertici delle imprese che stanno eseguendo i lavori

Peculato, associazione a delinquere, frode in pubbliche forniture e traffico illecito dei rifiuti: una nuova inchiesta giudiziaria si abbatte sulle imprese che stanno lavorando, ormai da troppi anni, al raddoppio della strada statale 640 che, qualora fosse mai completata, collegherà Agrigento con Caltanissetta e lo svincolo per l'autostrada con un tracciato veloce e confortevole.

Dopo i procedimenti degli anni scorsi, ancora in ghiaccio, la Direzione distrettuale antimafia di Caltanissetta ha acceso un faro su uno degli ultimi stralci dei lavori, relativo al rifacimento del ponte San Giuliano, uno degli ultimi viadotti che porta alla galleria che collega con l'autostrada Palermo-Catania.

Nelle scorse ore il sostituto procuratore del tribunale nisseno, Simona Russo, ha delegato ai finanzieri una vasta attività di perquisizione e sequestro facendo notificare, contestualmente al prelievo di documenti, oggetti e materiali, delle informazioni di garanzia. L'indagine, stando ai pochi particolari che circolano da ambienti investigativi, ha portato all'iscrizione nel registro degli indagati dei vertici delle imprese che stanno eseguendo i lavori, con particolare riferimento alla Cmc di Ravenna che, negli anni, ha sostanzialmente ceduto a diverse altre imprese singoli lotti dei lavori o parti degli stessi - come specificato dai vertici della cooperativa ravennate, l'indagine riguarderebbe eslusivamente le società di progetto che stanno operando proprio per conto della Cmc, e non i vertici della Cmc stessa.

Le informazioni di garanzia, come sempre molto "criptate" e sintetiche per non scoprire le carte nella fase decisiva dell'istruttoria degli inquirenti, comunicano un'indagine per una serie molto lunga di reati: innanzitutto il peculato oltre alla frode in pubbliche forniture, il disastro ambientale, il crollo colposo, la truffa aggravata, l'abuso di ufficio, l'associazione a delinquere e il traffico illecito dei rifiuti.

Le perquisizioni sarebbero state estese, oltre che nelle due province di Agrigento e Caltanissetta, anche in Toscana dove hanno la sede alcuni uffici degli indagati e a Ravenna, nella sede della Cmc di via Trieste. I finanzieri hanno portato via, pc, documenti e altro materiale relativo ai lavori di raddoppio della strada statale 640.

Il Comune di Ravenna, inoltre, in questi giorni ha ricevuto dalla Prefettura di Napoli la comunicazione di un provvedimento ostativo antimafia nei confronti di una società impegnata in due rilevanti cantieri della pubblica amministrazione della città.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Come dare nuova vita al giardino con il Bonus Verde 2021

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento