Vendevano auto usate 'manomesse': sequestrati diamanti e un appartamento

Il sodalizio era specializzato nel truffare ignari acquirenti vendendo loro autoveicoli usati il cui chilometraggio effettivo veniva fraudolentemente abbattuto

Nei giorni scorsi i militari della Guardia di Finanza di Ravenna hanno dato esecuzione a un’ordinanza emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Ravenna, su richiesta della locale Procura della Repubblica, con il quale è stato disposto il sequestro di beni, per un valore di circa 120mila euro, nei confronti di diversi cittadini rumeni accusati di riciclaggio, autoriciclaggio e intestazione fittizia di beni e società.

Il sequestro del patrimonio nella disponibilità degli indagati trae origine dagli esiti di un’indagine coordinata dal Procuratore della Repubblica di Ravenna, Alessandro Mancini, e dal Sostituto Procuratore Angela Scorza, e condotta dalla Guardia di Finanza prima Compagnia di Ravenna insieme alla Polizia di Stato, Squadra Mobile e Polizia Stradale di Ravenna, che ha permesso di individuare e neutralizzare un gruppo criminale composto da cittadini rumeni e italiani, specializzato nel truffare ignari acquirenti vendendo loro autoveicoli usati il cui chilometraggio effettivo veniva fraudolentemente abbattuto.

Gli accertamenti all’epoca eseguiti sono stati quindi rassegnati all’Autorità Giudiziaria, che ha emesso a dicembre 2019 un’ordinanza con cui si disponevano misure cautelari personali nei confronti di 25 soggetti e il sequestro di 18 aziende a essi riferibili. I successivi riscontri di polizia economico-finanziaria posti in essere dai Finanzieri attraverso l’esame della corposa documentazione acquisita in sede di perquisizioni e lo sviluppo delle indagini finanziarie disposte dall’Autorità giudiziaria hanno quindi permesso di appurare che buona parte dei proventi illeciti venivano reinvestiti dall’associazione criminale trasferendoli in parte all’estero e in parte utilizzandoli per l’acquisto di beni immobili e preziosi, servendosi anche in questo caso di diversi “prestanomi” al fine di impedire la riconducibilità dei beni all’attività delittuosa in essere.

Per queste ragioni sei cittadini rumeni sono stati segnalati alla Procura della Repubblica di Ravenna per il reato di autoriciclaggio, riciclaggio e trasferimento fraudolento di valori. Sulla base della ricostruzione dei flussi finanziari effettuata dalle Fiamme Gialle, l’Autorità Giudiziaria inquirente ha richiesto e ottenuto dal Gip del Tribunale di Ravenna l’emissione del provvedimento di sequestro preventivo di un appartamento situato nel territorio ravennate e di tre diamanti di oltre due carati, tutti nella disponibilità di fatto degli indagati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cristiano dedica il suo 'brodetto che innamora' al marito e conquista i giudici di Masterchef

  • Tragico infortunio sul lavoro: muore operaio di 26 anni

  • Muore a 26 anni, l'appello: "Aiutateci a trovare una casa per le sue gatte"

  • Nuovo decreto: visite agli amici solo in due, niente asporto dopo le 18 per i bar e 'area bianca'

  • Carcasse di animali e 600mila euro in contanti nello studio: sequestro da 1 milione al veterinario

  • "Babbo, da dove viene la mia famiglia?": e lui ricostruisce 7 secoli di parenti in tutto il mondo

Torna su
RavennaToday è in caricamento