Venerdì, 14 Maggio 2021
Cronaca

Dal falso avvocato al finto agente: quali sono le truffe più comuni e come difendersi

Ulteriori episodi avvenuti a Ravenna nelle scorse settimane testimoniano la necessità di non abbassare mai la guardia, perchè il pericolo è sempre dietro l’angolo

I Carabinieri della Compagnia di Ravenna, impegnati nella diffusione di utili consigli per difendersi in caso di presunti raggiri e truffe, rinnovano l’invito a prestare attenzione. Ulteriori episodi avvenuti a Ravenna nelle scorse settimane testimoniano la necessità di non abbassare mai la guardia, perchè il pericolo è sempre dietro l’angolo.

Il lavoro di prevenzione è fatto anche d’incontri al termine delle funzioni religiose, come è avvenuto domenica nelle parrocchie del ravennate dove i comandanti delle stazioni Carabinieri si sono intrattenuti con i fedeli fornendo semplici regole di comportamento che evitano di finire nelle spire di malintenzionati in casa, per strada, sui mezzi di trasporto, nei luoghi pubblici ma anche a mezzo telefono. Le occasioni di potenziale pericolo sono ovunque e, per ogni circostanza, sono stati indicati gli espedienti usati dai malintenzionati e le ‘risposte’ di prudenza da adottare.

Le truffe più comuni

Tra le più classiche delle truffe sono state segnalate quella dei falsi funzionari di enti pubblici: il truffatore si presenta presso l’abitazione di persone anziane con diversi pretesti, rubando poi denaro e preziosi; della vendita telefonica di falsi abbonamenti a riviste istituzionali di Carabinieri, Poliziotti, Finanzieri o di altri enti dello stato; del sedicente avvocato, notaio o appartenente a forze di polizia: il truffatore si presenta o telefona a casa delle vittime richiedendo soldi per istruire pratiche legali a favore di congiunti, impossibilitati a telefonare poiché coinvolti in sinistri stradali o faccende giudiziarie, fermati presso una caserma/ufficio di una forza di polizia; dello specchietto: alla vittima di turno viene fatto credere che durante la marcia l’auto ha rotto il retrovisore esterno dell’auto del truffatore; l’illusione dell’urto nasce invece da un colpo che i truffatori provocano sulla carrozzeria dell’auto dell’automobilista preso di mira, solitamente sulla fiancata, lanciando un sasso o una pallina metallica. Costretto a fermarsi gli mostra lo specchietto penzoloni. per evitare di interessare le compagnie assicurative, che poi alzerebbero il ‘premio’ chiedono un risarcimento; del falso amico: il truffatore fingendosi amico del figlio/a (dicendo "Sono l’amico di tuo figlio", "Chi Roberto?", "Si Roberto!") si fa pagare il corrispettivo di un acquisto, asseritamene effettuato dal figlio/a della vittima, rifilando al malcapitato un oggetto senza valore.

I consigli per difendersi

I cittadini hanno apprezzato l’iniziativa dei Carabinieri, soffermandosi e ponendo varie domande per le quali tutti hanno ricevuto esaustive risposte. A prescindere dal modus operandi, comunque l’unico consiglio utile resta quello di non divulgare le proprie informazioni personali, di prendere tempo e cercare sempre un aiuto; magari proprio chiamando il 112, che deve però essere chiamato dalla stessa vittima da un apparecchio correttamente funzionante. E’ successo in alcuni casi che l’avvocato o poliziotto che ha effettuato la chiamata, dopo aver invitato l’anziano malcapitato a contattare la Caserma/l’Ufficio come controprova, abbia trovato dall’altro lato della cornetta, sempre la stessa persona che non aveva chiuso la conversazione. I Carabinieri della Compagnia di Ravenna continuano dunque nell'opera di prevenzione che vale più della repressione del reato; la certezza è che il fenomeno delittuoso può essere debellato, contando anche sull’aiuto della cittadinanza che non deve far altro che seguire i pochi consigli pratici.

image006(1)-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dal falso avvocato al finto agente: quali sono le truffe più comuni e come difendersi

RavennaToday è in caricamento