menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Striscia la Notizia a Ravenna: il mago Casanova svela il 'trucco' delle truffe agli anziani

Nel servizio del programma di Mediaset, il mago si trova a Ravenna e porta il pubblico alla scoperta di uno strano tipo di "ipnosi" praticatata attraverso la rete fissa telefonica

Il mago Casanova porta di nuovo Striscia la Notizia a Ravenna, dopo il caso sul montascale non funzionante andato in onda a febbraio e il sequestro di alcuni porta-cellulare di fine gennaio. Nel servizio del programma di Mediaset andato in onda sabato sera, il mago si trova a Ravenna e porta il pubblico alla scoperta di uno strano tipo di "ipnosi" praticatata attraverso la rete fissa telefonica.

In un film di qualche tempo fa si ipotizzava la possibilità di condizionare le persone tramite una telefonata, che le spingeva a compiere azioni involontarie. L'inviato, con il supporto della Polizia di Stato, racconta come viene attuata questa truffa basata su indagini e studio delle abitudini delle vittime da parte dei malviventi. 

"Sono tuo figlio e ho avuto un incidente, ho bisogno di soldi, se non pago subito il notaio mi ritirano la patente". Un'anziana, vittima di questo tipo di truffa, racconta di aver ricevuto questa telefonata poco tempo fa. "In casa avevo i soldi della pensione, loro mi hanno detto "Fuori c'è una signora che si chiama Maria, lei metta i soldi in una busta e li porti fuori a questa donna", e così ho fatto. Ho provato a chiamare tramite telefono fisso mio figlio e mia nuora, ma rispondeva sempre quella voce". Il trucco, infatti, sta proprio nel fatto che i truffatori non riattaccano mai il telefono, ma restano in linea, rendendo quindi impossibile alla loro vittima fare altre telefonate o magari allertare le forze dell'ordine.

Il mago, girando per le bancarelle del mercato, spiega come funziona la "preparazione" dei truffatori, che seguono la loro vittima raccogliendo informazioni su di essa per poi colpire. Casanova incontra poi Giuseppe Barillari, sostituto commissario della Polizia di stato di Ravenna, che spiega delle truffe avvenute nel ravennate e dà alcuni consigli, come quello di andare dai vicini di casa e utilizzare il loro telefono per chiamare le forze dell'ordine, oppure il proprio cellulare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento