rotate-mobile
Martedì, 23 Aprile 2024
Cronaca

Tutto pronto per la Maratona di Ravenna: oltre 3.300 iscritti da 42 nazioni

Il percorso di gara si snoderà tra le vie della città per toccare tutti gli otto monumenti riconosciuti Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’Unesco, ma anche la Tomba di Dante, la zona Darsena e Punta Marina

Parte il conto alla rovescia per la Maratona di Ravenna. Da venerdì 12 novembre si apre il weekend più atteso non solo per la città di Ravenna, ma per un territorio intero che accoglierà, nel giro di poche ore, migliaia di runner, famiglie e visitatori. Gli occhi saranno puntati sulla zona compresa fra i Giardini Pubblici, il MAR, Museo d’Arte Moderna della Città di Ravenna, e Via Di Roma, ma anche sulla struttura delle Artificerie Almagià in zona Darsena, dove sarà allestito l’Expo Marathon Village e sull’ex Ippodromo Candiano, teatro di diversi appuntamenti. Tanti gli appuntamenti. Non solo la gara regina sulla distanza di 42,195 Km incorniciata negli splendidi siti storici e artistici di Ravenna, ma un programma ricco di spunti e di occasioni per scoprire un territorio unico al mondo in un contesto internazionale e ricco di calore.

Appuntamenti e orari

Venerdì 12 novembre dalle ore 12.00 si aprirà l’Expò Marathon Village, quest’anno in versione più ridotta rispetto al passato in ossequio alle indicazioni di rispetto delle normative sanitarie vigenti. Ad ospitare il villaggio che rappresenterà il fulcro degli eventi e ospiterà gli stand dei servizi messi a disposizione, sarà, novità assoluta per Maratona, la struttura delle Artificerie Almagià, l’ex raffineria di zolfo costruita nel 1887 nella zona della Darsena di Città oggi spazio di architettura industriale divenuto hub culturale grazie all’intervento di recupero voluto dal Comune di Ravenna. L’inaugurazione della dell’Expo si terrà sempre il venerdì alle ore 16.00.

Sabato 13 novembre teatro principale diverrà invece l’area dell’ex ippodromo Candiano. Il grande spazio all’aperto a pochi passi dal centro tornerà per un week-end ad animarsi come un tempo, nell’ottica del recupero di un’area ancora di fondamentale importanza per la città soprattutto in questa fase di ripartenza nella quale gli spazi outdoor stanno tornado ad essere autentici punti di riferimento. Proprio dall’ex Ippodromo Candiano, alle ore 10.15 la partenza della Conad Family Run, manifestazione ludico-motoria da 2 km aperta a tutti. A seguire, alle ore 12.00 circa, il via della Frutta Bau Dogs & Run, la maratonina a sei zampe con cani e padroni.

Domenica 14 novembre, alle ore 9.00 la partenza della Correndo senza Frontiere - Tutti insieme, la 3 km riservata ai disabili che prenderà il via da Porta Serrata. Alle 9.15, davanti al MAR, il Museo d’Arte della Città di Ravenna in Via di Roma, lo start alla prima delle ondate di concorrenti della Hoka Maratona di Ravenna Città d’Arte 42K e della Ravenna Half Marathon 21K. Alle ore 9.45 dall’ex Ippodromo Candiano, per evitare assembramenti, il via alla Martini Good Morning Ravenna 10K. All’arrivo, previsto per tutte le distanze in Via di Roma, le premiazioni ufficiali sul palco allestito nel giardino davanti al MAR.

Gli iscritti

Ad oggi, ma i numeri sono in costante crescita e aggiornamento, sono già oltre 3.300 gli iscritti alle due gare competitive da 42 e 21 Km, in rappresentanza di ben 42 nazioni. A questi si aggiungono gli attuali 5.000 che si sono già registrati per la Martini Good Morning Ravenna e tutti coloro che prenderanno parte alle altre manifestazioni sportive previste nel weekend. Numeri inferiori a quelli del 2019 in epoca pre-Covid ma davvero incredibili se si considera il periodo e i dati fatti registrare nelle scorse settimane dalle tante grandi manifestazioni che in tutta Italia hanno dato il segnale di ripresa dell’intero mondo del running. È bene evidenziare che si tratta di numeri non definitivi dato che sarà possibile iscriversi fino al giorno precedente il via.

Top runner

Per l’edizione 2021 alla Maratona di Ravenna non mancheranno gli abituali top runner, che cercheranno di migliorare i precedenti record della corsa stabiliti entrambi nel 2019: nella gara maschile da Japhet Kosgei (Ken) in 2.10’42” e quella femminile da Pascalia Chepkogei (Ken) in 2.33’28”. In questa 22esima edizione ci proveranno in campo maschile i keniani Kenneth Kemboi Rotich p.p. 2.14’21”, Elkana Langat p.p. 2.18’06”, Benard Kiptoo Koech esordio, Enock Kipchumba Tanui esordio, Denis Mugendi Kiura p.p. 2.13’34”, Simon Mwangi Waithira pacemaker. Tra le donne la keniana Shyline Jepkorir Toirotich p.p. 2.34’10” nel 2021 a Eldoret in altura, la rumena Liliana-Maria Dragomir p.p. 2.45’15” a Vienna e nazionale rumena ai C.M. di Londra 2017 nella maratona. Nella Half Marathon record da battere l’1.05’08” di Mang’ata (Ken) nel 2017 e l’1.14’12” del 2019 di Clementine Mukanganga (Rwa). Al momento confermati in campo maschile i keniani Rodgers Maiyo p.p. 1.01’55”, Edwin Kibet Kiptoo p.p. 1.03’13”. Tra le donne Veronicah Njeri Maina (Ken) p.p. 1.09’17”, Asmerawork Bekele Wolkeba (Eth) p.p. 1.13’19”. A cura di Michele Marescalchi.

Il percorso

La Maratona di Ravenna Città d’Arte è stato variato e rinnovato rispetto il 2019, ma si snoderà ancora una volta tra le vie della città per toccare tutti gli otto monumenti riconosciuti Patrimonio mondiale dell’Umanità dall’UNESCO, ma anche la Tomba di Dante, la zona Darsena e altri siti famosissimi. Il percorso sarà interamente pianeggiante e dunque veloce, nel cuore del centro storico e nelle zone più caratteristiche, poi si allungherà prima verso Classe toccando la Basilica di S. Apollinare e successivamente prenderà la direzione di Punta Marina Terme prima del rientro verso Ravenna. La Mezza Maratona percorrerà le stesse strade della 42,195 km per i suoi primi 18 km, poi, all’altezza della Rotonda Gran Bretagna le due strade si divideranno per incontrarsi nuovamente in Via di Roma sotto l’arco del traguardo.

La medaglia

Presentata a gennaio 2020 come la decima meraviglia di Annafietta, la medaglia ha dovuto incredibilmente attendere quasi due anni per posizionarsi nelle ceste al traguardo in attesa dei finisher. Dunque, come per le medaglie delle Olimpiadi di Tokyo. Come per gli Europei di Calcio. Come per tanti eventi posticipati dal 2020 al 2021, anche la medaglia della Hoka Maratona di Ravenna Città d’Arte 2021 riporterà sul retro quella che era la data prevista in origine per l’edizione dell’anno scorso, annullata in seguito all’emergenza sanitaria: 8 Novembre 2020. La medaglia 2020 era stata pensata come omaggio anticipato alle celebrazioni dantesche, che proprio quest’anno sono state organizzate a Ravenna per ricordare i 700 anni dalla morte di Dante Alighieri (1321-2021). Una medaglia ancora attualissima dato che proprio in queste settimane si svolgono in tutta Italia ancora eventi culturali dedicati al Poeta.

Una medaglia pensata per un’occasione e che verrà consegnata in un’altra. Il motivo di questa scelta è squisitamente pratico, dato che gran parte delle medaglie per la Maratona 2020, tutte rigorosamente assemblate a mano nel laboratorio Annafietta con la tecnica bizantina che prevede le tessere del mosaico ad angolo vivo, erano già state realizzate in vista dell’edizione dello scorso anno. Oggi però quella data 8 Novembre 2020 in una medaglia che verrà consegnata il 14 Novembre 2021 racchiude in sé anche un elemento più profondo e importante che renderà ogni singolo pezzo un oggetto da collezione, unico nel suo genere e ancor più prezioso: la memoria. La memoria che non farà dimenticare mai la pandemia da Covid-19 e chi non è più al nostro fianco per nuove avventure. Come sempre, la medaglia verrà proposta in tre tagli diversi. La più grande finirà al collo dei finisher della Maratona, una versione leggermente media toccherà ai runner che taglieranno il traguardo nella Half Marathon, infine la versione più piccola per la Martini Good Morning Ravenna 10K.

Presentazione Maratona RA 2021_01-2

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tutto pronto per la Maratona di Ravenna: oltre 3.300 iscritti da 42 nazioni

RavennaToday è in caricamento