menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ugli-Eni, firmato il nuovo protocollo di relazioni industriali: "Un documento che guarda al futuro"

La segreteria di Ugl: "Il protocollo prevede la conservazione dei siti industriali che saranno aggiornati o riconvertiti a seconda della propria natura produttiva con progetti ecosostenibili"

Nel pomeriggio di giovedì 3 dicembre si è tenuto un incontro in modalità telematica tra l'Ugl Chimici e i vertici di Eni per l’illustrazione e la firma del nuovo protocollo di relazioni industriali “Insieme”. Un protocollo fortemente voluto sia dall’Azienda, sia dalle organizzazioni sindacali, in virtù del cambiamento epocale dovuto alla transazione energetica, e che è iniziato a luglio scorso con il nuovo assetto societario che prevede due Direzioni Generali, denominate “Natural Resources” e “Energy Evolution”.

"Il documento firmato - informa la segreteria nazionale di Ugl Chimici - è un progetto ambizioso che propone in sostanza il comune intento di traguardare l’Eni nel futuro, attraverso un modello partecipativo e inclusivo, attento alla sostenibilità economica e sociale, e che certamente accompagnerà il processo evolutivo del cambiamento. Il protocollo prevede innanzitutto la conservazione dei siti industriali presenti ad oggi, che saranno aggiornati e o riconvertiti a seconda della propria natura produttiva con progetti mirati di “sustainability” dell’ambiente".

"Questo documento dichiara l’intenzione di continuare ad investire in Italia per esserne motore di una sospirata ripresa del sistema industriale - prosegue l'Ugl - Ci rendiamo conto che siamo di fronte a una grande sfida, e che sarà un percorso pieno di insidie verso il cambiamento, ma abbiamo il dovere di credere e guardare con fiducia al progetto, perché potrà aumentare le nuove condizioni di sviluppo industriale e competenze, e dare benefici economici in tutto il Paese. Questa Segreteria ha sottolineato l’importanza del varo del nuovo protocollo di relazioni industriali “Insieme” puntualizzando che solamente mettendo al centro del progetto i lavoratori, si potranno raggiungere gli obbiettivi prefissati, e gestire nel miglior modo possibile la sfida del cambiamento e della transazione energetica".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Blue Monday: esiste davvero il giorno più triste dell'anno?

Benessere

I 5 DPI più efficaci per contrastare il Covid-19

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento