Un'escursione tra le saline alla scoperta del turismo lento e sostenibile

Un’area vocata al turismo slow e all’ecoturismo, dove la natura viene tutelata proprio grazie a una mobilità sostenibile e a buone pratiche di gestione turistica

Si trova a Cervia in questi giorni una delegazione del progetto RuralGrowth, in visita ad Atlantide, indicata dall’Università di Newcastle come una delle best practices nell’ambito del turismo sostenibile e rurale. La delegazione, costituita da 25 rappresentanti di Ungheria, Olanda, Finlandia, Spagna, Romania, Inghilterra e Italia, martedì si recherà in visita al Centro Visite Salina di Cervia, dove sono previste l’escursione in barca elettrica e una presentazione del modello di lavoro di Atlantide nella gestione di un Centro Visite e nella valorizzazione di un’area protetta come la Salina, porta sud del Parco del Delta del Po. Un’area vocata al turismo slow e all’ecoturismo, dove la natura viene tutelata proprio grazie a una mobilità sostenibile e a buone pratiche di gestione turistica.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“È una grande soddisfazione per Atlantide essere un esempio a livello europeo nel campo turistico – sottolinea Massimo Gottifredi Presidente di Atlantide - in particolare per l’adozione di una policy nei nostri parchi che mira a sviluppare e stimolare un turismo lento e attento al territorio e all’ambiente. Barche e pulmini elettrici, bici, passeggiate sono l’unica modalità di spostamento, l’attenzione all’ambiente attraverso scelte sostenibili di fruizione e nuove modalità per vivere la vacanza". Il progetto RuralGrowth si colloca nell’ambito dell’Obiettivo Specifico 2.1 del programma Interreg Europe e ha l'obiettivo generale di migliorare le policies per garantire uno sviluppo sostenibile, innovativo e integrato delle economie rurali attraverso l'aumento della competitività delle Pmi che operano nel settore del turismo rurale. Per perseguire l’obiettivo sono state individuate azioni volte a stimolare e promuovere programmi locali e regionali di sostegno alle Pmi che operano nel settore turistico, in particolare rurale, per migliorare le competenze, adottare soluzioni innovative ed ecocompatibili basate sui concetti di turismo lento e sostenibile, avviare nuove imprese e sviluppare nuovi prodotti e servizi orientati a un offerta di qualità attraverso la creazione e realizzazione di partnership.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Maltempo, Bassa Romagna ancora martoriata dalla grandine: chicchi grandi come noci

  • Fatale incidente nella notte: muore in bici investito da un'auto

  • Dalle parole si passa velocemente ai fatti: nel caos spunta una lama, accoltellato un ragazzo a Marina di Ravenna

  • Sassi dal cavalcavia, colpita un'auto con una famiglia a bordo: "Un grande spavento per i bimbi"

  • Si schianta contro il guard rail in autostrada: automobilista in gravi condizioni

  • Vacanze per le famiglie, due hotel nel ravennate tra i migliori in Italia

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
RavennaToday è in caricamento