menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Arriva un questionario per valorizzare le aree umide del Parco del Delta

L'iniziativa ha lo scopo di misurare il valore che i cittadini attribuiscono alla natura e all’ambiente delle zone umide, come la Salina di Cervia

Le regioni deltizie in Europa presentano un'enorme ricchezza in biodiversità che non trova riscontro in prestazioni di tipo economico: si tratta di aree protette che ospitano capitale naturale ma raramente benessere sociale o prosperità. Il progetto “Interreg Central Europe Delta Lady - Delta Lady Floating Cultures in River Deltas”, di cui il Parco Delta del Po è partner, ha come obiettivo la promozione di usi innovativi dei servizi ecosistemici dei delta fluviali, al fine di creare opportunità economiche per queste zone, promuovendo l’uso sostenibile del grande patrimonio culturale e naturale che costituiscono.

L’attività prevede, oltre ad una prima fase di confronto con i vari partners del progetto e condivisione di buone pratiche, l’implementazione di un piano di azione, da attuare e monitorare, per il miglioramento del policy instrument individuato. Oltre a questo, è già stato avviato il percorso di revisione dei Piani Territoriali di Gestione dell’Area Protetta del Parco del Delta del Po, che vede interessati tutti i Comuni interni al perimetro del Parco, tra cui Cervia.

Al fine di misurare il valore che i cittadini attribuiscono alla natura e all’ambiente delle zone umide, come la Salina, la Regione Emilia Romagna tramite ART-ER, in collaborazione con il Parco Delta del Po e l’Università di Ferrara, ha predisposto un sondaggio da proporre ai cittadini cervesi e a tutti gli utenti del nostro territorio. Il questionario, in forma anonima, è reperibile nella home page del sito del Comune di Cervia, alla voce “Progetti” e compilabile on line: https://www.comunecervia.it/progetti/delta-lady.html
I risultati, raccolti ed elaborati dall’Università di Ferrara, saranno utilizzati per la redazione dei nuovi Piani di Gestione delle Aree Protette, per migliorare l’attività di gestione e conservazione degli ecosistemi.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Dall'Antica Roma al terzo millennio: il mito eterno dei Lom a Merz

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento