Una cerimonia commovente per ricordare Manlio Monti

Il sindaco ha consegnato alla figlia Leda la medaglia d'onore del Comune, che vuole ricordare una cerimonia toccante e significativa

Nella sala consiliare del Municipio di Ravenna si è svolta venerdì, nel pieno rispetto delle misure anti-Covid, la cerimonia in ricordo di Manlio Monti a cento anni dalla nascita. Presieduto da Alberto Gamberini l'incontro, promosso dal Centro Studi dedicato all'esponente del Partito repubblicano italiano, fondatore della Uil e assessore comunale con il sindaco Benelli, ha visto gli interventi di Eugenio Fusignani su Monti, uomo di partito e grande amico di Ugo La Malfa, di Giannantonio Mingozzi sull'amministratore del Comune capace di garantire il sostegno economico e occupazionale a una popolazione stremata dalla guerra; poi di Carlo Sama, segretario Uil, su Monti padre del sindacalismo ravennate e guida autorevole dei lavoratori in particolare quelli agricoli. Il sindaco Michele De Pascale ha concluso la cerimonia sottolineando le qualità politiche del dirigente repubblicano e la sua passione civica, che pone Monti tra i più importanti protagonisti della ricostruzione industriale ravennate. Ha poi consegnato alla figlia Leda la medaglia d'onore del Comune, che vuole ricordare una cerimonia toccante e significativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Bonaccini: "Emilia-Romagna zona gialla da domenica. No al coprifuoco natalizio"

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto contro un albero: perde la vita un giovane di 22 anni

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Vivere in montagna, l'opportunità diventa realtà per 341 giovani coppie e famiglie

Torna su
RavennaToday è in caricamento