Una nuova casa per 'La piccola Betlemme' che distribuisce pasti a persone indigenti

Dopo aver esaminato alcune soluzioni alternative, il Comune di Faenza ha deciso di concedere i locali dell’ex Centro per le famiglie che si trovavano all’interno del complesso di Palazzo delle Esposizioni

L’associazione faentina ‘La piccola Betlemme’, che si occupa della distribuzione dei pasti a persone con fragilità economica, ha trovato una nuova casa. Dovendo lasciare la precedente sede di via Manzoni, aveva chiesto una mano all’amministrazione comunale manfreda. In un momento così particolare a causa dell’emergenza sanitaria che può portare a possibili crisi occupazionali, l’amministrazione faentina sta collaborando a stretto contatto con quelle associazioni che si occupano di dare risposte ai bisogni primari delle persone, promuovendo interventi sussidiari di assistenza a chi è in situazione di difficoltà.

Dopo aver esaminato alcune soluzioni alternative, il Comune di Faenza, in accordo con l’associazione, ha deciso di concedere i locali dell’ex Centro per le famiglie che si trovavano all’interno del complesso di Palazzo delle Esposizioni e che fino ad oggi erano stati utilizzati come deposito. Questi spazi, che si trovano in buono stato di manutenzione e in pieno centro, potranno così essere utilizzati temporaneamente per le finalità richieste dall’associazione. L’accesso per gli utenti avverrà da via Minardi, sul retro dell’ingresso principale di Palazzo Esposizioni, cosa che assicura anche un ottimo grado di privacy per i frequentatori. La Piccola Betlemme, secondo l’accordo stipulato con il Comune di Faenza, dovrà provvedere al mantenimento dei locali e alle loro condizioni, compresi gli eventuali interventi di riqualificazione che si dovessero rendere necessari per le attività di deposito, smistamento e distribuzione dei pacchi alimentari. L’attività della Piccola Betlemme nella nuova locazione è partita nella giornata odierna.

“Un lavoro non semplice ma appassionato quello che l’amministrazione ha messo in campo per rispondere alle necessità della Piccola Betlemme - spiega l’assessore ai servizi sociali, Davide Agresti che venerdì mattina si è recato nella nuova sede per salutare i volontari - associazione che porta avanti un impegno fondamentale per chi ha bisogno e che ha richiesto da parte nostra anche uno di sforzo di creatività. Non è stato facile trovare locali adatti alle esigenze e, pur consapevoli che la soluzione è temporanea, ci piace l’idea che anche il Palazzo delle Esposizioni, che non deve perdere la sua vocazione, si metta ‘a servizio’ della comunità, in particolare durante un inverno che ci richiederà premura e attenzione sotto il profilo sociale. L’obiettivo di lungo respiro, però, dev’essere quello di poter offrire una soluzione più stabile, integrata e partecipata, che offra supporto e appoggio a tutte le realtà territoriali che sul tema particolare si rimboccano costantemente le maniche”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mentre passeggia nota un'auto nel fiume: a bordo non c'era nessuno

  • Morte di Maradona, la Pausini: "In Italia fa notizia l'addio a un uomo poco apprezzabile"

  • Schianto frontale: Panda proiettata nel fosso dopo l'urto, 65enne soccorso con l'elicottero del 118

  • Trova un pezzo di dito nell'involtino primavera: partono le indagini

  • Lo sfogo di una parrucchiera: "Salone anti-covid, ma le miei clienti non possono più venire"

  • Troppe persone nel negozio di alimentari: chiuso per 5 giorni

Torna su
RavennaToday è in caricamento