rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca

Una polmonite ferma il maestro Muti: dirigeranno il Nabucco i giovani direttori della sua accademia

A causa di una polmonite il maestro ravennate dovrà rinunciare ai concerti di Rimini e Ravenna, così affida l'orchestra Cherubini ai giovani direttori dell'Italian Opera Academy

Il Maestro Riccardo Muti, a seguito di una diagnosi di polmonite che ha escluso un'infezione da Covid-19, ha dovuto suo malgrado rinunciare ai concerti previsti alla Sagra Musicale Malatestiana e al Ravenna Festival, trasformandoli però in un’occasione per coloro che ha accompagnato alla scoperta della partitura verdiana. Saranno infatti i giovani direttori che egli stesso ha recentemente guidato nel percorso di studio della VII edizione della Riccardo Muti Italian Opera Academy, appena conclusasi alla Fondazione Prada di Milano, a sostituirlo sul podio della sua Orchestra Giovanile Luigi Cherubini per una selezione di brani da Nabucco nei concerti in programma al Teatro Galli di Rimini sabato 18 dicembre e al Teatro Alighieri di Ravenna lunedì 20.

"Giungano al Maestro gli auguri più affettuosi di tutta la comunità ravennate - augurano il sindaco Michele de Pascale e l'assessore alla Cultura Fabio Sbaraglia - Quattro giovani direttori recentemente guidati da Muti nel percorso di studio della VII edizione della Riccardo Muti Italian Opera Academy dirigeranno l’orchestra Cherubini al posto suo. Un gesto bellissimo che trasforma una situazione delicata in un’opportunità positiva per fare crescere e valorizzare le giovani generazioni di artisti”.

Giuseppe Famularo ha trent’anni, è nato in Sicilia dove si è diplomato in pianoforte, a Palermo, per poi formarsi come direttore a Milano; il venticinquenne Henry Kennedy si è recentemente diplomato alla Royal Academy of Music di Londra e CJ Wu, 35 anni da Taiwan, si è dedicata al violino prima di studiare direzione a Manchester; mentre è a Vienna che il ventitreenne moldavo Cristian Sp?taru, anche compositore, ha completato i propri studi: sono loro i quattro giovani che si alterneranno sul podio a Rimini e Ravenna. Accanto alla Cherubini sarà impegnato il Coro Cremona Antiqua preparato da Antonio Greco e un cast vocale che include Serban Vasile nei panni di Nabucco, Gabriëlle Mouhlen e Francesca di Sauro rispettivamente come Abigaille e Fenena, Azer Zada (Ismaele), Riccardo Zanellato (Zaccaria), Giacomo Leone (Abdallo), Vittoria Magnarello (Anna) e Andrea Vittorio De Campo (Il Gran Sacerdote di Belo).

Nabucco è certo l’unico titolo che, nell’immaginario collettivo, possa essere riassunto in una pagina corale anziché in un’aria solistica – del resto, Rossini notò che non poteva definirsi tanto un coro quanto “una grande aria cantata da soprani, contralti, tenori e bassi”. Proprio dal Va’, pensiero sembra scaturire la scintilla che porta tanto alla composizione di quell’opera quanto all’intera parabola creativa del suo autore: “con quest’opera si può dire veramente ch’ebbe principio la mia carriera artistica” affermava infatti Verdi. Dopo un periodo di profonda crisi, sia familiare (la morte dei figli e della moglie) che professionale (il fiasco assoluto de Un giorno di regno), il successo di Nabucco, in scena al Teatro alla Scala il 9 marzo 1842, permise al compositore di riconquistare quel favore di pubblico e impresari che gli avrebbe assicurato la fama di un eroe nazionale.

AllieviOperaAcademy2021-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una polmonite ferma il maestro Muti: dirigeranno il Nabucco i giovani direttori della sua accademia

RavennaToday è in caricamento