Una sala del ridotto del Goldoni intitolata alla cantante lirica Ebe Stignani

La cerimonia, con lo scoprimento del medaglione in bronzo e della targa dedicati alla cantante lirica di origini bagnacavallesi, si è tenuta sabato alla presenza del figlio Dino Sciti e della nipote Diletta

La sala principale del Ridotto del Goldoni di Bagnacavallo è stata intitolata a Ebe Stignani. La cerimonia, con lo scoprimento del medaglione in bronzo e della targa dedicati alla cantante lirica di origini bagnacavallesi, si è tenuta sabato alla presenza del figlio Dino Sciti e della nipote Diletta, della cantante lirica Wilma Vernocchi, di Arnaldo Castellucci della Pro Loco di Bagnacavallo e di rappresentanti dell’Amministrazione comunale.

L’iniziativa ha visto la partecipazione del maestro Riccardo Muti e della moglie Cristina Mazzavillani. Alla cerimonia è seguito, presso il Teatro Goldoni, il concerto lirico Omaggio a Ebe Stignani, per la direzione artistica del maestro Giuseppe Montanari, con protagonisti il mezzosoprano Daniela Pini, il soprano Paola Cigna, il tenore Augusto Celsi e al pianoforte Filippo Pantieri. Sono stati eseguiti brani di Offenbach, Verdi, Rossini, Gounod, Delibes, Cilea, Lehàr, Puccini e Gastaldon. La serata è stata organizzata dal Comune e dalla Pro Loco.

La celebre cantante lirica Ebe Stignani, nata a Napoli l’11 luglio 1903, aveva origini bagnacavallesi. I genitori, Ugo Stignani e Pasqua Moni, erano infatti di Bagnacavallo, dove Ebe Stignani ha deciso di riposare dopo la fine dei suoi giorni, nel 1974, accanto al marito Alfredo Sciti. La cantante, che ebbe un’importante carriera internazionale come mezzosoprano in particolare in America, fu per decenni ospite fissa alla Scala. A Bagnacavallo si esibì nel 1935, come attesta una lapide posta nel teatro Goldoni, con quattro recite di Mignon del compositore Ambroise Thomas, sotto la direzione del maestro Giuseppe Antonicelli.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Drammatico frontale sull'Adriatica, un morto e due feriti gravi

  • Dramma sui binari: perde la vita travolta da un treno

  • Sangue sulle strade: travolto da un'auto muore sul colpo, grave l'automobilista

  • Attimi di terrore nella notte: accoltellato e lasciato esanime in strada

  • Sbanda e finisce in un fosso: 32enne in ospedale, è gravissima

  • Strage familiare a Foggia, il terzo figlio lavora a Ravenna: "Erano sereni"

Torna su
RavennaToday è in caricamento