Martedì, 15 Giugno 2021
Cronaca

Una seconda vita agli abiti, ma anche alle persone: la moda etica di 'Dress Again'

Da situazioni di disagio sociale, psichico o da condizioni di maltrattamenti, le donne che danno vita al lavoro ritrovano non solo la possibilità di ridare forma agli abiti, ma anche ai loro progetti di vita lavorativa e sociale

La “moda etica” ha in sè due anime: una legata al sociale e una alla sostenibilità ambientale. Sono queste a caratterizzare il progetto 'Dress Again', realizzato da Caritas Diocesana e Farsi Prossimo Odv, che da anni coniuga alla bellezza dei capi proposti l’etica del loro riutilizzo. Lo spazio sta per “cambiare look”, ma il carattere sociale della sua moda rimarrà lo stesso: martedì 1 giugno inaugurerà la nuova sede, in corso Garibaldi 28/Aa Faenza. Il nuovo showroom continuerà a proporre capi usati di qualità, selezionati da volontarie esperte che accompagnano l’acquirente alla ricerca del capo più adatto.

È proprio nello spazio espositivo che si chiude il circolo virtuoso di creazione, uso e riciclo degli abiti: anche chi acquista partecipa dunque a una scelta consapevole e sostenibile. Con il sostegno di Fondazione Cattolica Assicurazioni e La Bcc, Dress Again vuole contribuire a costruire una cultura della sostenibilità. Inoltre, in un’ottica di coinvolgimento delle realtà giovanili, si stanno portando avanti progetti di fotografia e moda con Gruppo Fotografia Aula 21.

Dress Again Lab

Ecco come funziona la sartoria: Dress Again propone le confezioni realizzate dall’atelier Dress Again Lab. Qui sarte esperte si pongono alla guida di tirocinanti che trovano nel cucito la possibilità di riprendere in mano le redini della loro vita. Da situazioni di disagio sociale, psichico o da condizioni di maltrattamenti, le donne che danno vita al lavoro di Dress Again Lab ritrovano non solo la possibilità di ridare forma agli abiti, ma anche ai loro progetti di vita lavorativa e sociale. Imparano a guardare al capo al di là della funzione o del periodo storico in cui è stato creato, per concentrarsi sul riutilizzo dei materiali o sull’adattamento dei modelli per rendere il capo su misura. Sono loro a trasformare gli abiti usati in capi nuovi, usando stoffe originali e integrandole a quelle vintage.

Proseguono i laboratori per giovani

Dress Again, in collaborazione con l’Ufficio Educazione alla Mondialità Caritas, ha lanciato nei giorni scorsi una nuova iniziativa rivolta ai giovani che desiderano usare la loro creatività per re-inventare quello che indossano. Con un contributo di 5 euro (o gratuitamente per gli studenti che partecipano attraverso l’alternanza scuola-lavoro), si organizzano dei laboratori per insegnare come personalizzare i propri capi. Verrà lasciato spazio all’inventiva dei ragazzi, concretizzandola grazie all’esperienza e alla manualità delle sarte. Nel rispetto delle norme anti-Covid, i laboratori si svolgeranno su due turni: dalle 14,30 alle 16 e dalle 16,30 alle 18. Venerdì 4 giugno: Porta i tuoi jeans o sceglili al Dress e arricchiscili con patch e tecniche di lavaggio- Venerdì 11 giugno: Porta la tua maglietta e personalizzala con l’aiuto delle sarte. I laboratori si terranno nella nuova sede di Dress Again.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una seconda vita agli abiti, ma anche alle persone: la moda etica di 'Dress Again'

RavennaToday è in caricamento