menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Una spesa 'salva aziende' al Mercato contadino per aiutare gli agricoltori terremotati

I produttori marchigiani saranno presenti sul posto per raccontare ai consumatori come si stanno risollevando dopo il terremoto

In questo Natale 2019 scatta un nuovo ‘gemellaggio agricolo solidale’ tra Campagna Amica Ravenna e le aziende terremotate delle Marche, che domenica 15 dicembre saranno ospitate con i loro prodotti tipici d’eccellenza al Mercato Contadino Coperto di via Canalazzo 59, per l'occasione aperto in via straordinaria.

Dalle 9 alle 13, oltre ai prodotti delle imprese agricole locali, sarà possibile conoscere, degustare e acquistare quelli delle aziende provenienti da Macerata, zona fortemente colpita dal sisma dell’ottobre 2016. I produttori marchigiani saranno presenti sul posto per raccontare ai consumatori come si stanno risollevando dopo il terremoto e soprattutto per illustrare i metodi tradizionali di coltivazione e allevamento, nonché le caratteristiche delle proprie produzioni. Al Mercato solidale parteciperanno: Az. Agr. 'Nerovisciola' Antinori da Cingoli (MC) con vino di visciola e altri prodotti a base di visciola; Az. Agr. Angeli da Pieve Torina (MC) con lenticchie, cicerchia, zuppe di farro e legumi, ma anche il nobile pecorino dei monti Sibillini; Fattoria Duri da San Severino (MC) con il tipico vino passito Piccato e vini fermi marchigiani; Az.Agr. Turchetti da Matelica (MC) con miele e prodotti da apicoltura; Az.Agr. Bernabei da Loro Piceno (MC) con il tipico 'vino cotto'; Az. Agr. Maurizi da Cessapalombo (MC) con zafferano e ceci; Az. Agr. Angeletti da Pollenza (MC) con i salumi della tradizione maceratese.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Arredare

Una casa di tendenza con i colori pantone del 2021

Fitness

Gli esercizi da fare a casa per rassodare il seno

Attualità

Russi, partono i corsi di lingua del Comitato di Gemellaggio

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento