rotate-mobile
Martedì, 16 Aprile 2024
Cronaca Faenza

Una storica dell'arte di fama internazionale come consulente per la Pinacoteca di Faenza

Roberta Bartoli è stata nominata in esito alla procedura comparativa avviata la scorsa estate per il conferimento di un incarico di consulenza per il biennio 2023-2024

La Pinacoteca Comunale di Faenza ha una nuova consulente esterna per le collezioni d’arte: si tratta di Roberta Bartoli, storica dell’arte di fama internazionale, nominata in esito alla procedura comparativa avviata la scorsa estate per il conferimento di un incarico di consulenza per il biennio 2023-2024. Bartoli si è laureata con lode all’Università di Firenze con Mina Gregori con la tesi “Biagio d’Antonio Tucci: marchio di fabbrica o pittore?” e ha conseguito un prestigioso dottorato presso la Sapienza di Roma con la tesi “Scultura in pietra nel territorio tra Firenze e l’Emilia Romagna (1420-1530 circa)” con relatore Roberto Paolo Ciardi dell’Università di Pisa.

Nel suo ricco curriculum, Roberta Bartoli può vantare incarichi e collaborazioni con alcuni tra i più prestigiosi musei del mondo e docenze universitarie. Già curatrice di mostre e cataloghi di respiro internazionale, ha preso parte a convegni e studi in Europa e Stati Uniti, con numerosi studi e pubblicazioni. Il rapporto tra Bartoli e Faenza risale agli anni giovanili, quando la studiosa allacciò i primi contatti con l’allora direttore Sauro Casadei ed è culminato con la pubblicazione della tesi di laurea dedicata a quel Biagio d’Antonio Tucci che tanta importanza, sia per numero che qualità delle opere, ricopre nelle collezioni della nostra Pinacoteca. Proprio la Pinacoteca Comunale di Faenza rappresenta uno dei luoghi “del cuore” per Bartoli che, in qualità di consulente scientifica, si occuperà prevalentemente della conservazione e cura delle collezioni, nonché della valorizzazione e studio delle raccolte della Pinacoteca.

"Dopo la rigenerazione dello spazio, la realizzazione del nuovo allestimento e l'impostazione di una nuova immagine coordinata, l'avvio di questa collaborazione rappresenta un altro importante passaggio per il rafforzamento del museo dedicato alle arti visive della città - commenta il sindaco Massimo Isola - Un percorso di valorizzazione fortemente voluto, nella consapevolezza della ricchezza e preziosità di un patrimonio artistico in grado di svolgere un ruolo sempre più trainante nel panorama dell'offerta culturale e turistica di Faenza. L'autorevole collaborazione della professoressa Bartoli potrà garantire non solo una consulenza scientifico-artistica altamente qualificata, ma anche contributi per l'intercettazione di nuovi pubblici e la creazione di relazioni di respiro nazionale e internazionale a cui la rinnovata Pinacoteca di Faenza può e deve certamente ambire. Volgendosi indietro a considerare gli ultimi tre anni, molto è stato fatto per restituire il meritato rilievo a questo splendido contenitore culturale; la collaborazione altamente qualificata che oggi prende il via vuole essere un ulteriore importante intervento verso tale obiettivo".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Una storica dell'arte di fama internazionale come consulente per la Pinacoteca di Faenza

RavennaToday è in caricamento