Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca Cervia

“Una tata per te”, nasce a Cervia l'albo delle baby sitter

L’istituzione dell’albo ha l’obiettivo di qualificare l’offerta del servizio, offrendo un supporto alle famiglie con bambini tra 0 e 12 anni

L’amministrazione comunale di Cervia ha approvato il progetto “Una Tata Per Te!”, con la finalità di offrire un servizio alle famiglie a sostegno delle esigenze di conciliazione dei tempi di lavoro e di cura, e di qualificare il lavoro di cura per i minori della fascia di età compresa tra 0 e 12 anni. Con questo fine ha pertanto approvato i criteri per l'istituzione e la gestione di un “Albo delle/dei Baby Sitter”, in cui iscrivere personale appositamente selezionato.

L’istituzione dell’albo ha l’obiettivo di qualificare l’offerta del servizio, offrendo un supporto alle famiglie che hanno l’esigenza di reperire persone disponibili a tale scopo e  per garantire la massima trasparenza l’amministrazione procederà tramite avviso pubblico per la raccolta delle domande di iscrizione all’albo comunale. Possono presentare domanda di iscrizione tutti i cittadini, italiani e stranieri residenti nel Comune di Cervia in possesso dei requisiti previsti dal bando e facendo domanda sull’apposito modulo.

I candidati poi dovranno sostenere un colloquio con gli operatori del Servizio “Servizi alla Comunità”  del Comune di Cervia, finalizzato ad accertare le competenze, le eventuali esperienze, l’inclinazione al ruolo richiesto, le abilità relazionali e organizzative, la flessibilità negli orari di lavoro e la fascia d’età preferita (0-6 / 7-12). Successivamente, i candidati risultati idonei dovranno partecipare alle attività dei laboratori formativi di approfondimento inerenti a questa funzione (obbligatori ai fini dell’iscrizione all’Albo), organizzati dal comune di Cervia, con test finale e rilascio di attestazione. Inoltre periodicamente verranno organizzati laboratori formativi di aggiornamento, la cui frequenza sarà necessaria per rimanere iscritti all’Albo e incontri di supervisione. Infine le famiglie interessate dovranno contattare gli operatori del Servizio “Servizi alla Comunità” e fissare un colloquio per verificare l'offerta di un servizio baby sitter avente le caratteristiche rispondenti alle necessità manifestate.

“L’istituzione dell’Albo ha l’obiettivo di qualificare l’offerta del servizio di cura per i minori fino ai 12 anni - afferma l’assessore Bianca Maria Manzi -. Sussiste infatti l'esigenza diffusa da parte delle famiglie di reperire persone affidabili e preparate a cui lasciare in custodia i propri figli, sia per necessità di carattere occasionale, sia per esigenze di natura continuativa. Il Comune pertanto vuole offrire un supporto di garanzia alle famiglie che scelgono liberamente e autonomamente di avvalersi delle prestazioni di sorveglianza e cura di una baby sitter”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Una tata per te”, nasce a Cervia l'albo delle baby sitter

RavennaToday è in caricamento