Università di Medicina in Romagna, l'Alma Mater: "Noi siamo pronti, ora tocca agli enti locali"

Sono già stati fatti anche sopralluoghi per le sedi, ma per fare decollare defintivamente il progetto serve l'intervento di Regione e Comuni

A Bologna non c'è più posto e così l'Università pensa di aprire corsi di medicina e chirurgia anche in Romagna, a Ravenna o a Forlì. Sono già stati fatti anche sopralluoghi per le sedi, ma per fare decollare defintivamente il progetto serve l'intervento di Regione e Comuni. "Ora tocca agli enti locali", fa sapere il prorettore degli studenti, Mirko Degli Esposti, martedì mattina in fiera per il test d'ingresso 2019-2020 al corso di laurea in medicina e odontoiatria.

L'aumento dei posti a disposizione a Bologna deve fare i conti con il boom di candidature (oltre 3.600 quest'anno) ed ecco l'idea, già presentata dal rettore Francesco Ubertini, di aprire altri corsi nei poli romagnoli, in collaborazione con l'Ausl Romagna. "Noi siamo pronti, ma non è una strada che possiamo percorrere da soli", avvisa Degli Esposti, chiamando in causa viale Aldo Moro e i sindaci interessati. "Non abbiamo la bacchetta magica - dice Degli Esposti a proposito del gap tra posti a disposizione e numero di candidati per il corso di medicina e chirurgia dell'Alma Mater - sarebbe bello raddoppiare gli studenti a Bologna, ma questo non è realisticamente possibile con le risorse che abbiamo a disposizione". Ma il fatto che l'Università di Bologna abbia una struttura multicampus, con sedi nelle città romagnole, "apre una prospettiva".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Questa prospettiva, sottolinea ancora Degli Esposti, il rettore "l'ha messa sul tavolo, si tratta di una possibilità concreta, ma non è una strada che possiamo fare solo noi. Noi possiamo farne una parte e abbiamo messo a disposizione tutto quello che possiamo". Ma "è chiaro - conclude il prorettore agli studenti di Ubertini - che c'è bisogno della Regione, degli enti locali e dell'Ausl Romagna. C'è bisogno di tante risorse e di tanta programmazione". E muoversi "in fretta". (fonte Dire)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Michelle Hunziker si rilassa in Romagna nelle acque dell'Adriatico: "Sembra tornato quello di 30 anni fa"

  • Il bagno con gli amici si trasforma in tragedia: perde la vita un 28enne

  • A Marina Romea con l'auto sulla spiaggia: scende, raggiunge gli scogli e cade

  • MotoGp, lutto per il team manager Ducati Davide Tardozzi: si è spenta la moglie Sandra

  • I suoi figli salvano una bimba dall'annegamento: "Mio padre morì in mare, sembra un segno del destino"

  • Schianto tra auto all'incrocio: due donne finiscono in ospedale

Torna su
RavennaToday è in caricamento