menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Università, Mingozzi: "No a doppie tasse a studenti lavoratori"

Si tratta di un centinaio di iscritti che, con il loro reddito, dovrebbero sostenere un aumento di costi d‘iscrizione così elevato. Giurisprudenza complessivamente conta 886 iscritti

Nel decreto sui tagli alla spesa varato dal governo lo scorso 27 luglio, sono previsti aumenti progressivi delle tasse universitarie per i fuori corso calcolati in base al reddito o alle capacità economiche delle famiglie “ma il rischio vero – dichiara il vicesindaco Giannantonio Mingozzi  – lo corrono gli studenti lavoratori che potrebbero vedersi raddoppiate le tasse con aumenti da mille a duemila euro".

"Non considero giustificata questa penalizzazione perché non tutti i fuoricorso sono studenti menefreghisti o disimpegnati; quasi la totalità degli studenti lavoratori iscrivendosi a un’età più avanzata hanno scelto di laurearsi per ragioni di qualificazione professionale, di stimolo formativo e di legittimo orgoglio personale - continua Mingozzi -. E allora perché penalizzarli in questo modo? Facciamo il caso di Ravenna dove l’età media dei laureati è attorno ai 28 anni, in linea con il dato di tutto l’ateneo: se prendiamo ad esempio i corsi giuridici ravennati troviamo che l’età media dei laureati al Corso di laurea magistrale, 5 anni, è di 26 anni, mentre l’età media per i laureati in operatore giuridico d’impresa, triennale, è 30 anni. Gli iscritti alla laurea magistrale sono 576 mentre gli iscritti alla triennale sono 350, e possiamo considerare almeno un terzo di questi ultimi studenti lavoratori che motivano l’età di 30 anni come media dei laureati".

"Si tratta di un centinaio di iscritti che, con il loro reddito, dovrebbero sostenere un aumento di costi d‘iscrizione così elevato. Ma se Giurisprudenza complessivamente conta 886 iscritti, Beni culturali ne registra 1.021, Scienze ambientali 344, Ingegneria 709, Medicina 477,  e 77 Chimica dei materiali - prosegue il vice sindaco -. Se consideriamo il totale dei nostri iscritti, che supera le 3.500 unità, si contano in almeno 350/400 gli studenti/lavoratori che rappresentano di per sé un vanto del nostro sistema universitario, a conferma del fatto che anche nella nostra città l’università è fruibile ad ogni età e non rappresenta solo condizione per ingresso nel mondo del lavoro ma anche ragione di qualificazione successiva che trovo ingiustificato penalizzare con un’esplosione di tasse”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento