rotate-mobile
Domenica, 28 Novembre 2021
Cronaca

Università, si è insediato il nuovo Rettore Giovanni Molari: "Ascoltare, dialogare e coinvolgere"

Ascolto, dialogo, coinvolgimento: questi sono i metodi e i valori che il Rettore Molari ribadisce, di fronte a tutta l’Alma Mater, fin dall’inizio del suo mandato

Si è insediato martedì il nuovo Rettore dell’Università di Bologna, il professor Giovanni Molari, che guiderà l’Alma Mater fino al 2027. Nel suo primo giorno di lavoro in Rettorato si è rivolto a docenti, personale tecnico e amministrativo e studenti, con un video-messaggio trasmesso attraverso i canali social dell’Ateneo. Ascolto, dialogo, coinvolgimento: questi sono i metodi e i valori che il Rettore Molari ribadisce, di fronte a tutta l’Alma Mater, fin dall’inizio del suo mandato.

"In noi quest’oggi c’è grande emozione, profondo senso di responsabilità, forte fiducia - ha dichiarato il Rettore, a nome di tutti i delegati, nel messaggio rivolto all’Ateneo -. Emozione, perché conosciamo la storia, l’autorevolezza e la ricchezza dell’Ateneo che da oggi avremo l’onore di rappresentare. Senso di responsabilità, perché sappiamo quanto sono alti e difficili gli obiettivi che possiamo e dobbiamo porci. Fiducia, perché affrontiamo tutto questo con la certezza di poter contare sulle conoscenze, le competenze e la generosità di tutti voi".

Il Rettore ha evidenziato le priorità che impegneranno lui e tutta la sua squadra per il prossimo anno. Fra queste "rilanciare la ricerca di base, in ogni ambito, con interventi rapidi ed efficaci; riportare gradualmente tutta la didattica in presenza, con misure organizzative adeguate, ma anche con più efficaci interventi di diritto allo studio; prestare sempre maggiore attenzione alla sicurezza e alla qualità del lavoro; ampliare il dialogo con tutte le città del Multicampus e rafforzare l’impegno pubblico dell’Ateneo; e facilitare e consolidare i rapporti istituzionali a livello locale, nazionale e internazionale".

Il Rettore ha poi presentato prorettrici e prorettori, delegate e delegati, che compongono la sua squadra di governo: Simona Tondelli prorettrice vicaria, Roberto Vecchi prorettore per la didattica, Giorgio Bellettini prorettore per il personale, Raffaella Campaner prorettrice per le le relazioni internazionali, Alberto Credi prorettore per la ricerca, e Rebecca Montanari prorettrice per la trasformazione digitale. Il prorettorato alle Sedi di Cesena, Forlì, Ravenna e Rimini rimarrà temporaneamente in carico al Rettore, che in questo modo intende ribadire la centralità della struttura Multicampus del nostro Ateneo.

Delegata per il Bilancio e la programmazione è Rebecca Levy Orelli, per l’Edilizia: Gian Luca Morini, per l’Equità, l’inclusione e la diversità Cristina Demaria, per l’Impegno pubblico Maria Letizia Guerra, per il Patrimonio culturale Giuliana Benvenuti, per i Rapporti con le imprese e la ricerca industriale Claudio Melchiorri per la Razionalizzazione dei processi Pier Paolo Gatta, per la Sostenibilità Giacomo Bergamini, e per le Studentesse e gli Studenti Federico Condello. Il rettore Molari proporrà inoltre agli Organi Accademici il nome di Maurizio Sobrero per il coordinamento della Commissione istruttoria Pnrr, che sarà composta da una rappresentanza degli organi e vedrà un ampio coinvolgimento dei Dipartimenti e delle sedi dell’Ateneo.

Ulteriori deleghe specifiche, coordinate da Prorettrici e Prorettori, e alcune nomine di competenza del Rettore, seguiranno nei prossimi giorni e saranno oggetto di un’esaustiva comunicazione.   Fin da oggi l’Alma Mater potrà avvalersi di una squadra di governo perfettamente equilibrata per genere, per competenze disciplinari e appartenenze dipartimentali, per afferenza alle sedi del Multicampus: una squadra che ben rappresenta tutta la ricchezza e la varietà del nostro grande Ateneo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Università, si è insediato il nuovo Rettore Giovanni Molari: "Ascoltare, dialogare e coinvolgere"

RavennaToday è in caricamento