menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Verso Dante 2021: i sindaci di Firenze, Ravenna e Verona incontrano il ministro per i Beni e le attività culturali

In vista del settimo centenario della morte di Dante proseguono le relazioni fra Ravenna, Firenze e Verona

In vista del settimo centenario della morte di Dante proseguono le relazioni fra Ravenna, Firenze e Verona. A seguito della richiesta fatta qualche tempo fa, giovedì mattina i sindaci del capoluogo toscano, Dario Nardella, di Ravenna, Michele de Pascale e di Verona, Federico Sboarina hanno incontrato il ministro per i Beni e le attività culturali Alberto Bonisoli per informarlo su lavoro che si sta portando avanti nell’ottica di una progettualità condivisa che faccia del triangolo tra Ravenna, Firenze e Verona il cuore pulsante delle celebrazioni, valorizzando al meglio il patrimonio materiale e immateriale legato alla figura di Dante, con iniziative trasversali nei più diversi ambiti della cultura, dell’arte e della divulgazione.

“L’incontro – commentano i primi cittadini – è stato molto positivo. Il ministro ha mostrato entusiasmo e interesse per la nostra strategia congiunta che vede il centenario dantesco come una grande opportunità di straordinaria visibilità dell’Italia a livello internazionale e di importante promozione e valorizzazione della lingua italiana nel mondo. Siamo rimasti d’accordo che a breve presenteremo al ministro una bozza di progetto condiviso, in modo che anche le risorse necessarie possano essere stanziate coerentemente. Nell’ottica di passare subito ad una fase operativa, il ministro si è impegnato inoltre a convocare in poco tempo il secondo incontro del Comitato dantesco”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

Occhi al cielo per ammirare la Superluna "rosa" di aprile

Cronaca

A Lido di Dante spuntano i nuovi "murales" dedicati al Sommo Poeta

Sicurezza

Una casa pulita in maniera green con il vapore

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

RavennaToday è in caricamento